venerdì 18 luglio 2008

Per un pugno di libri




D'estate leggo molto di più, un po' perché, ovvio, ho più tempo, un po' perchè... non voglio perdere tempo... cioè non vorrei sprecarlo davanti alla tv o, peggio, impiegarne troppo a fare pulizie, riordini straordinari, restauri... così dopo qualche centellinata attività casalinga (a proposito, ho letto da qualche parte che si riordina meglio a piccole dosi invece di affaccendarsi in estenuanti pulizie dalla A alla Z)... eccomi sulla poltrona a immergermi nel mondo della lettura (ma chi fu quel cretino che credeva che il computer avrebbe sostituiito il Libro?!).

Intrattengo anche interessanti scambi di opinioni e passaparola con altre lettrici e altrettanto proficui prestiti di volumi con una e unica amica, Carmenlasorella (non che sia la sola amica che ho, ma è la sola con la quale ci prestiamo vicendevolmente i libri, vista la comprovata abitudine alla restituzione in tempi accettabili). Bene, il resconto delle letture estive finora è il seguente:

1) La tredicesima storia: bellino, appassionante ma a volte un po' ingenuo nei meccanismi narrativi: ammicca un po' troppo nei rimandi).

2) L'eleganza del riccio: sublime, commovente, ricco di spunti soprattutto per chi come me sostiene e pratica amicizie senza età... intendo con persone moooolto più grandi e moooolto più piccole di me senza difficoltà alcuna.

3) Qualcuno con cui correre: sempre sul filone dell'amicizia tra ragazzi e non, sullo sfondo di una Gerusalemme quasi normale. Forte in alcune descrizioni, ma bello.

4) La lama sottile, letto giustappunto perché il primo volume della trilogia (La bussola d'oro) mi aveva lasciato troppa curiosità e inquietudine. Anche questo destabilizzante, ma ormai ho in mano il terzo e ultimo volume (Il cannocchiale d'ambra) grazie alla generosità dell'amica di cui sopra e intendo finirlo per vedere dove vuole andare a parare.

5) Molto meglio la trilogia di Cornelia Funke: Cuore d'inchiostro, Veleno d'inchiostro (da cominciare) e Alba d'inchiostro (da comprare).

6) Della stessa Funke sto leggendo (ed è questo il libro che attualmente ho in mano) Il re dei ladri. Sarà che ho una specie di malattia che mi attira irrevocabilmente verso tutto ciò che riguarda dodici-quattordicenni o giù di lì (Harry Potter docet), ma anche questo è davvero bello, avvincente.

E nel futuro? Libri in attesa: Il viaggio di Elisabeth, La scoperta dell'alba, qualche Camilleri (che fa sempre bene), Il regno del drago d'oro ( e ci risiamo con i quattordicenni), Donne informate sui fatti.

1 commento:

  1. io sto leggendo un mattone (nel senso che è voluminoso come la trilogia Tolkeniana)"Shantaram" di Gregory David Roberts, bello.

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...