martedì 5 gennaio 2010

Piccole ispirazioni per il 2010

Scartabellando blogs mi sono imbattuta in Many little blessings, che già per il titolo meriterebbe un plauso. Si tratta del diario di Angie, mamma di tre bimbi con diversi problemi, indaffarata in quanto ha scelto l'homeschooling per i suoi figli, terapista part.time, cattolica, amante della musica... insomma una donna dalle mille vite parallele, come tante altre donne.


Nella pagina principale del blog trovo un' interessante guida per il 2010, fatta di diversi input, piccole ispirazioni, senza alcuna pretesa ma graziose da leggere e ricordare. Ne traduco qualcuna delle più significative per me:
-non paragonare la tua vita a quella degli altri: tu non sai quale sia esattamente il loro viaggio
-non strafare, considera i tuoi limiti
-l'invidia è perdita di tempo: tu hai già ciò di cui hai bisogno
-fai pace con il tuo passato
-realizza che la vita è una scuola e tu sei qua per imparare
-trova il tempo per pregare
-stai zitto per almeno 10 minuti al giorno
-mangia a colazione come un re, a pranzo come un principe, a cena come un mendicante

 

6 commenti:

  1. Ciao sono rientrata e ho trovato i tuo auguri, che ricambio con piacere. Carine queste indicazioni di Angie. Conosco un sacco di persone a cui potrei consigliare di applicare il penultimo suggerimento ;-)). A presto.

    RispondiElimina
  2. Interessante questa segnalazione.
    Molto saggia la signora, molto saggia.

    RispondiElimina
  3. Volevo anche aggiungere che l'homeschooling mi affascina veramente molto. Anche se credo non sia applicabile in tutti i contesti, mi interessa molto leggere di mamme che hanno fatto questa scelta.

    RispondiElimina
  4. @ sabri: hai ragione sul penultimo consiglio... benvenuta!
    @ alchemilla: sì, in un contesto italiano l'homeschooling non è diffuso ma vale come indicazione di intenti: essere "maestri" per i propri figli, introdurli alla realtà senza delegare altri, avere la pazienza di spiegare, di imparare insieme, di offrire la propria esperienza come punto di riferimento...

    RispondiElimina
  5. Sai Palmy già faccio tutto questo. Forse un pò non voglio arrendermi ai miei limiti imposti dalle circostanze della vita. E allora vorrei straffare. poi il corpo mi dice ALT, con qualche dolore di troppo.
    by Lilly

    RispondiElimina
  6. @ lily: il tuo corpo dice ALT perché sono obiettivi troppo alti e faticosi o perché le circostanze sono avverse nonostante i tuoi sforzi?

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...