lunedì 15 marzo 2010

Linguaggio koala


Non so da dove cominciare e so che non basterà un solo post. Quindi comincio dalla base:
sabato 13 e domenica 14 ho partecipato a un corso di intelligenza emotiva insieme a 9 colleghi (appellativo che oggi mi appare inadeguato ormai) e lei, il Dirigente e promotore di tutto.
Che corso?
Di linguaggio koala, messo a punto in anni e anni di lavoro dal prof. Giacomo Pratissoli. Giacomo è più famoso come formatore nazionale del Lions Quest, ma il koala è il suo personale approccio.
Perché koala?
Perché il piccolo marsupiale ha orecchie grandi per ascoltare, osserva ciò che lo circonda con occhietti curiosi e positivi e accudisce i cuccioli per 12 mesi ininterrottamente. Wikipedia says: i piccoli diventano indipendenti a circa un anno di età e prima di allora, vedono il mondo dalle spalle della madre, su cui vivono seguendola ovunque. Insomma un linguaggio di ascolto, di osservazione, di accudimento.
Giacomo tiene corsi in tutta Italia, in moltissime scuole per insegnanti o in altri ambienti in cui operano professioni dell'aiuto (medici, infermieri...)
Per comunicare efficacemente con gli altri è indispensabile un autocomunicazione autentica, è necessario entrare in contatto con noi stessi. A cominciare dal livello corporeo per finire a quello affettivo e spirituale... la mente non è tutto. Meditare è danzare, è ascoltare il corpo e il cuore, è non nascondersi a se stessi. Ho cominciato a imparare questo e ho fatto i primi passi.
La strada la conoscevo, era già dentro di me, ma l'avevo perduta, anzi per essere più esatta, l'avevo derubricata nel già saputo.
Ognuno ha la sua via di meditazione e di contatto con se stessi: può essere una liberatoria danza, può essere il respiro profondo, può essere la preghiera. Io ho liberato il mio dalla soffitta polverosa in cui l'avevo dimenticato.
Non è una formula magica, è un seme che va coltivato ogni giorno. Stamattina ho messo Chopin, ho preso i salmi e ho letto: "Hai mutato il mio lamento in danza" (salmo 29). Oddio. Quante volte l'avrò letto? Eppure è stato oggi il giorno in cui quelle parole lette mille volte hanno risuonato per me.

12 commenti:

  1. Sai palmy, nel libro il potere della mente ho studiato quanto i salmi abbiano un potere profondo sulla nostra psiche. Soprattutto il salmo 91 Sicurezza di chi si rifugia in Dio. Esso ha una particolare vibrazione alla stregua dei mantra indiani, mette in moto meccanismi inconsci in grado di apportare pace e armonia interiore.
    Sono felice che abbia riscoperto il gusto della meditazione...si può meditare anche osservando la rugiada sulla corolla di un fiore, o respirando, o fissando il sorriso di tua figlia mentre dorme...tutto nella vita é meditazione, se sai guardare con gli occhi dell'anima.
    Lilly

    RispondiElimina
  2. Non sapevo nulla di questo approccio, mi piace molto. Il riferimento al koala mi ricollega a un altro animale e, precisamente, alla pedagogia della lumaca (http://www.pedagogiadellalumaca.org/).
    Mi piace moltissimo, grazie!

    RispondiElimina
  3. Grazie Palmy per questo bellissimo post con un importante messaggio.

    RispondiElimina
  4. Il mondo che ci circonda và sempre di fretta,corriamo anche noi per stargli dietro,ma quando riusciamo a soffermarci un attimo e riprendiamo il controllo tutto prende una piega più positiva.La meditazione fa bene all'animo e al corpo,grazie per queste importanti informazioni.

    RispondiElimina
  5. Che splendide parole ci hai regalato. Aspetto altre riflessioni sull'argomento.
    E l'esempio del Koala mi ha commosso.
    Grazie Palmy!

    RispondiElimina
  6. @ tutti: questa volta rispondo collettivamente perchè a tutti vorrei dire che presto scriverò ancora e ancora e ancora di questa esperienza...

    RispondiElimina
  7. palmy non ho il tuo indirizzo e mail...
    mi dispiace!!!!
    cerco in you tube se trovo le musiche
    poi ti darò i link
    ciao

    RispondiElimina
  8. L'indirizzo mail te l'ho mandato, ma se vuoi ne ho uno gmail, che è qui in alto a sinistra...

    RispondiElimina
  9. "Meditare è danzare, è ascoltare il corpo e il cuore, è non nascondersi a se stessi", mi soffermo a far danzare nella mia mente questo tuo efficace pensiero! Saremo solo degli ipocriti se tentassimo di sottrarci a noi stessi, ognuno trae delle sue esperienze il modo più efficace per la nutrire la sua anima e il suo corpo.
    Io ho scoperto da circa un anno la Danza Movimento Terapia(metodo Laban)che mi sta dando molteplici spunti per aprire porte e porticine...
    Ciao , a presto, ti mando un caro abbraccio!

    RispondiElimina
  10. @ miriam: ora capisco tante cose... il lavoro che fai su te stessa è evidente anche dal tono dei tuoi post...

    RispondiElimina
  11. La metafora del Koala è molto affascinante ed efficace......il percorso che hai fatto è un lavoro enorme su se stessi, anche io ne ho fatto uno molto simile qualche anno fa e ha aperto finestre che non conoscevo dentro di me......la frase "hai mutato il mio lamento in danza" e la tua nuova consapevolezza hanno acceso una lucina in me, qualcosa si muove!:-)

    RispondiElimina
  12. @ Federicasole: questi corsi più che momenti di sviluppo intellettuale sono momenti di crescita, incontri che ti cambiano, vero?

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...