giovedì 10 giugno 2010

Vivere il presente


Ho conosciuto davvero pochissime persone in grado di vivere pienamente il presente, come fosse l'unico momento del tempo, e di parlare con l'altro come se fosse l'unica persona al mondo. La sensazione è di grande pace e dalla loro persona trasuda pienezza.
La concentrazione e la semplicità di queste persone così speciali mi è stata più chiara dopo aver letto questo passo del libro Dovunque tu vada ci sei già, di Jon Kabat-Zinn (del quale consiglio assolutamente a tutti i genitori il saggio Il genitore consapevole):

Sono frequentemente spinto dall'impulso di inserire un elemento estraneo in una determinata situazione (...). Ho imparato a riconoscere questo impulso e a diffidarne (...). Mi costringe a far colazione con gli occhi fissi alla scatole di cereali, leggendo per la centesima volta la composizione dietetica del contenuto (...), è un impulso alimentato da qualsiasi pretesto (...). In quei momenti mi estranea dagli altri, facendomi perdere il gioco delle luci sulla tavola, gli odori nella stanza, le energie del momento (...). Amo praticare la semplicità volontaria (...). Questo significa fare una sola cosa per volta e assicurarmi di essere partecipe. (...) Semplicità volontaria significa recarsi in meno anziché in più luoghi in un giorno, vedere meno per vedere meglio, far meno per fare meglio (...).

Mi ritrovo in queste parole, soprattutto in quelle della scatola di cereali (!), ma anche nel desiderio di ritrovare il presente, di accorgermi di esso e di ciò che in esso (non nei miei pensieri distratti) accade.

foto da qui

11 commenti:

  1. Vivere il presente... è diventato più o meno "forzatamente" il mio motto tempo fa, quando una serie di eventi mi costrinsero a non progettare tutto il futuro com'ero abituata a fare.
    Ora non dico di essere diventata brava, però mi sto avvicinando a questo stile di vita. La "semplicità volontaria" è un abito mentale che mi ha regalato molta inaspettata serenità.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  2. Quando riesco a "vivere nel presente" sto meglio.
    MA allora perché questo succede raramente???

    RispondiElimina
  3. @ mugs: effettivamente a volte sono gli eventi della vita a costringerci a mutare le nostre priorità...

    @ alchemilla: succede raramente perchè la mente è padrona... mentre dovrebbe esserlo mooolto meno...

    RispondiElimina
  4. "Qui e ora"
    Bello , ma difficile da realizzare.
    Sto trovando conforto e aiuto nella pratica ma sopratutto nello studio dei testi sacri dello yoga, il cui obiettivo è il controllo della mente (non il lavaggio del cervello come pensano alcuni).
    Imparare a controllare la mente, attraverso il corpo e il respiro ci permette di "vedere meglio" e "fare meglio".
    Ovviamente io sono di parte, ma questa è strada che ho intrapreso per non perdermi continuamente in progetti a lungo termine che non ho mai realizzato, in pensieri riguardanti il futuro dimenticandomi di vivere il presente.

    RispondiElimina
  5. Bello, anch'io ci sto provando: gustare ogni momento coem fosse unico. Perchè non è tanto importante cio' che si fa, ma come lo si fa. grazie per il consiglio di lettura.

    RispondiElimina
  6. Giá... bella impresa, ma é sempre importante ricordarci del valore del presente senza farci bloccare troppo dal passato e dal futuro...

    RispondiElimina
  7. Anch'io riesco a vivere meglio nel presente... credo d'avere già espresso questo concetto, anche se in maniera diversa, su un mio vecchio post...
    Terrò presente questo titolo che segnali, mi piace questa definizione:

    "Semplicità volontaria significa recarsi in meno anziché in più luoghi in un giorno, vedere meno per vedere meglio, far meno per fare meglio..."

    Un caro saluto e buon weekend :-)

    RispondiElimina
  8. @ catia: la mente e la sua preponderanza... offusca lo sguardo quando è pregiudizio e scelta ostinata di non cambiare punto di vista

    RispondiElimina
  9. @ Laura ddd.: grazie della visita e del commento!

    RispondiElimina
  10. @ Sybille: è un'ardua impresa ma occorre lavorarci su...

    @ anna righeblu: è un buon suggerimento anche per le vacanze!

    RispondiElimina
  11. Vivere il presente è una conquista che si realizza passo dopo passo, ogni istante della vita! A volte sembra tutto così faticoso, a volte tutto sembra andare a meraviglia come quando si percorre una strada in discesa...
    Un caro abbraccio!!!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...