mercoledì 26 maggio 2010

Osservate più spesso le stelle


Osservate più spesso le stelle. Quando avrete un peso nell’animo, guardate le stelle o l’azzurro del cielo. Quando vi sentirete tristi, quando vi offenderanno, quando qualcosa non vi riuscirà, quando la tempesta si scatenerà nel vostro animo, uscite all’aria aperta e intrattenetevi da soli col cielo. Allora la vostra anima troverà la quiete.

Questo suggerimento, sublime e commovente, è di Pavel Florenskij, che nelle lettere dal gulag delle isole Solovki chiede ai familiari, moglie e figli, di far memoria della sua vita e del suo sacrificio. Le lettere sono edite da Mondadori con il titolo Non dimenticatemi. Dichiarato individuo pericoloso per la sua attività di scienziato credente viene arrestato dal regime sovietico una prima volta nel 1928 e poi nel 1933 e confinato alle isole Solovki, luogo di martirio dimenticato. Viene fucilato a 45 anni nel 1937. La frase è stata citata da papa Benedetto XVI nel Regina Coeli del 16 maggio scorso.

Vincent Van Gogh, Notte stellata sul Rodano

lunedì 24 maggio 2010

Ireland Unit Study


La meta del nostro viaggio estivo sarà l'Irlanda, che naturalmente a casa è diventata oggetto di curiosità.
Ci stiamo preparando in vari modi e come sempre il web ci viene in aiuto. Ne approfitto per fornire del materiale che può essere utile anche ad altri, insegnanti di geografia (finché la Gelmini ne permetterà l'esistenza), di storia e di inglese (molte attività infatti sono in english).

Comincio dal sito ufficiale del turismo irlandese, ricco di fotografie e corredato di video racconti dei locali sulle bellezze della propria terra: Discovery Ireland.
Per iniziare un bel video di History channel, in inglese ma di facile comprensione (attenzione: è pensato per un pubblico americano)
Se si vuole procedere con un lapbook o comunque con una ricerca, si potranno inserire i seguenti links in un webquest o si potranno direttamente fornire i materiali agli alunni:

Geografia e storia dell'Irlanda

-bella carta fisica con fiumi ben evidenziati
-carta politica
-mappe, grafici, timeline
- mappa con questionario in inglese
-attività con mappa da colorare seguendo le istruzioni in inglese
-bandiera con spiegazione in inglese: il verde per i nativi dell'Eire, l'arancio per i simpatizzanti dell'Inghilterra (capeggiati da Guglielmo d'Orange), il bianco per l'auspicata pace tra le due fazioni.
-bandiera da colorare con template di lapbook pieghevole
-template di lapbook già pronto con attività in inglese
-per livelli superiori di scuola due webquest già pronti su aspetti storico-culturali dell'Irlanda: lezione uno e lezione due
-per avere un'idea del gaelico, il sito in gaelico del governo irlandese
-nel mio piccolo un post sulla mia passione per i Celti
-fotografie di dolmen e circoli di pietre
-un sito ricchissimo sui fiori nativi in Irlanda, un altro con foto bellissime dei fiori del Burren

Sulle tradizioni irlandesi e sull'arte celtica

-una panoramica con storia semplice di san Patrizio
-croce celtica cui San Patrizio aggiunse il disco solare per rappresentare Dio
-belle foto di croci celtiche dell'antichissimo monastero di Clonmacnoise
-il folletto Leprechaun: storia e disegno da colorare
-decorazione con trifogli per comporre il lavoro finale: i trifogli sono serviti a san Patrizio per spiegare la Trinità dunque hanno un significato beneaugurale (qui la breve storia)
-figura dell'arpa tradizionale, simbolo dell'Eire
-introduzione alla musica celtica (in ingese)
-selezione di fotografie di antichi strumenti tradizionali
-esempi di decorazioni a nodo
-nodi e spirali celtici da colorare, anche qui-arte celtica da stampare

Qualche libro:




sabato 22 maggio 2010

Van Gogh Starry Night for kids

Van Gogh è uno dei miei artisti preferiti, sulla colonna a sinistra c'è anche un link tutto dedicato a lui. Così ogni tanto navigando qua e là trovo dei siti interessanti per condividere l'amore per Vincent anche con mia figlia. L'ho già scritto, la Piccola riconosceva i suoi dipinti quando ancora non sapeva parlare bene e li indicava gridando ngongong...
Qui accanto ci sono le sue mani che riproducono una delle stelle de La Notte stellata colorando con i colori Stockmar.
Oggi ho trovato il blog ART with Mrs. Smith che presenta un'attività di collage su questo famoso quadro.
Se voleste osservare da vicino ma proprio da vicino il dipinto vi basterà cliccare su questa pagina e zoommare sul quadro. Si può trovare un'altra bella immagine a questo link. Un'altra attività sul quadro viene suggerita da KinderArt. Per colorare e cominciare a osservare il dipinto si può usare questa pagina da colorare on line di Enchanted Learning. Se ne può trarre anche una versione astratta, con l'aiuto di ArtProjectForKids. Per colorare out line: scaricate questo pdf.

giovedì 20 maggio 2010

Riflessioni


Riflettevo su come nella vita si incrocino mille sentieri e si possano dipanare mille e mille possibilità. Chi si sposa prendendo una decisione affrettata e poi ritorna sui suoi passi imboccando un nuovo percorso. Chi si pente amaramente di essersi legato a una donna nella quale aveva intravisto la possibilità della felicità senza trovarne poi neanche l'ombra. Chi , guidato dalle circostanze e da momentanei preconcetti scambiati per incrollabili convinzioni, strada facendo trova il vero amore e nuovi orizzonti mentali. Chi è ogni giorno appagato e stupito della persona che ha accanto pur non avendoci scommesso preventivamente una lira.
Ho imparato a non giudicare frettolosamente: il film che stai vedendo potrebbe essere solo all'inizio.
Ho imparato anche a non etichettare dall'esterno: se non ti trovi fino al collo nella situazione difficilmente potrai riprodurla dentro di te, figuriamoci capirla a tal punto da incasellarla.

Segnaletica in Antartide (da qui)

venerdì 14 maggio 2010

Identificare una pianta


Il web ci aiuta anche per identificare e dare un nome a una pianta:

- Garden Talking ci fornisce un ampio schema scientifico di classificazione

- KeytoNature ci fornisce inicazioni per utilizzare la risorsa Guida Interattiva alle piante del selciato, che si trova su internet, qui

- istruzioni per costruire un erbario, classico, con i fiori essiccati, o per un notebook a tema (per il quale vi rimando al mio post Osserviamo la natura). Anche questo pdf può essere utile.

- una guida chiara e illustrata alle piante con fiori

-tipi di foglie

- identificare gli alberi dei boschi italiani, un elenco di libri sull'argomento

-in inglese, ma semplice e illustrato: What tree is it?

Foto da qui.

martedì 11 maggio 2010

Le parole sono finestre [oppure muri]


Sto leggendo e rileggendo questo libro.
Senza voler esaurire in poche frasi la ricchezza del messaggio che porta, cercherò di condividere con voi qualche spunto che ha illuminato per me aspetti rilevanti dandomi un nuovo punto di vista.

Il modello della Comunicazione Non Violenta, CNV, nota anche come linguaggio giraffa, è composta da due parti:
Le due parti sono:
-esprimersi con empatia (sono io a comunicare)
-ricevere con empatia (è l'altro a comunicare e io ascolto).

Nel momento in cui io mi esprimo il primo passo che suggerisce Marshall Rosenberg è:

osservare

Osservare ciò che accade, osservare ciò che gli altri fanno. Non etichettare. "Sei pigro".

Non ho mai visto un uomo pigro;
ho visto un uomo che non ha mai corso
mentre lo stavo guardando, ed ho visto
un uomo che talvolta faceva un sonnellino
tra pranzo e cena... (R. Bebermeyer)

Racconta l'autore che trovandosi a dover risolvere un conflitto tra un direttore didattico e le insegnanti, alla prima riunione con le sole maestre chiese loro: "Cosa fa il direttore che è in conflitto con i vostri bisogni?". "Ha la lingua lunga" fu la risposta immediata. Ma non era quello che aveva chiesto: quella risposta dava informazioni su l modo in cui la maestra valutava il direttore e non su quello che il direttore aveva fatto o detto per provocare quell'interpretazione.
"Parla troppo!" Ancora una volta una valutazione e non un'osservazione chiara del comportamento del direttore. Dedurre ciò che una persona pensa non è la stessa cosa che osservare il suo comportamento e individuare azioni specifiche.
Non si tratta di non giudicare, ma di separare la valutazione dall'osservazione.

Giudicare: "Sei troppo generoso"
Osservare e separare il giudizio: "Quando ti vedo dare tutto il tuo tempo ad altri penso che sei troppo generoso"

Quando si comunica le generalizzazioni causano un accento violento, l'etichetta imprigiona: "Sei un giocatore scadente!" è cosa diversa dal dire: "Non hai segnato un gol da 10 partite". L'osservazione è sempre circostanziata, in un tempo e in uno spazio. Si tratta di una constatazione.

Mi rendo conto di quante volte giudico, etichetto, paragono, incolpo.
Difficile la via dell'osservare, del mettere a fuoco un comportamento errato piuttosto che un peccatore.
Che ne dite? Mi piacerebbe leggere i vostri esempi, le vostre riflessioni.

Al prossimo passo...

domenica 9 maggio 2010

Europeana, Google Swirl e EyePlorer

Tre risorse contenute nella slideshare già presentata qui, meritano un posto a parte:


- Europeana, un portale voluto e finanziato dall'Unione Europea in cui sono a nostra disposizione gli archivi e i musei europei più importanti (ma presto saranno incrementati). Per ricerche, per salvare i siti trovati in una pagina personale, per organizzare webquest mirati. Qui la homepage in italiano. E qui un video di presentazione delle diverse opportunità offerte da questo sito. Anche questa segnalazione si trova nei 50 sites.
Un'avvertenza: le ricerche conviene digitarle in inglese, ci sono ovviamente più risultati.

- Google Image Swirl: per cercare immagini similari e scegliere con calma goolge mette d siposizione questo motore di ricerca tematico che a mio parere è adatto all'uso didattico molto più di quello generico (Google Immagini). Provare per credere!

- EyePlorer: permette di creare un'unità didattica interdisciplinare splendidamente visualizzata in un grafico a spicchi ognuno dei quli, distinto per colore, si riferisce a un campo disciplinare. detto così, sembra dificile, ma è di una semplicità estrema. Ed è pure divertente.
Per insegnanti diperati alla ricerca di un tema da suggerire agli alunni che si presentano agli esami di terza media (onde evitare un massa di noiosissime tesine sulla seconda guerra mondiale), o per impostare una ricerca multidisciplinare...

venerdì 7 maggio 2010

50 sites




Condivido con voi una serie di siti, raccolti insieme ad altri nella slideshare presentata, diligentemente segnalata da maestro roberto. Quelli che preferisco sono:

- per costruire diagrammi e grafici (facili e... sexi, dice la presentazione!): Lovelycharts

- sempre per costruire diagrammi: Cacoo

- per disegnare o scrivere sulle mappe di google, per esempio per tracciare un itinerario, facilitare lo studio della geografia o costruire una mappa storica, segnano degli eventi sul luogo dove si sono svolti... anche in italiano (basterà selezionare la lingua!): ScribbleMaps

- per disegnare anche forme geometriche: Flockdraw

- per illustrare delle storie un fantastico sito (Artofstorytelling) in cui si verrà guidati a scegliere il genere narrativo, l'ambientazione, i personaggi (che si possono ingrandire o rimpicciolire una volta sistemati sullo sfondo); si può anche registrare o scrivere il testo da illustrare. In alto a destra, i credits, cioè tutte le fonti, storicamante significative e veritiere, da cui sono tratte o a cui sono riferite le illustrazioni. Consigliatissimo!
Più adatto a bambini piccoli: Story maker

- per creare e condividere un libro sul web (free): Bookrix

domenica 2 maggio 2010

Share a breathing space

Condividi un momento di riflessione.
Visto il successo della mia precedente proposta di aprile, ho pensato di riproporre il post condiviso anche a maggio, ma con una variazione sul tema.
Un giorno qualunque, un momento qualunque, in cui si è aperta una porta nella nostra mente: è apparsa con chiarezza o con nebulosità una riflessione degna di nota.
Annotatela dunque... e digitate il link esatto del post (cliccando sul titolo, nella barra degli indirizzi risulterà l'URL specifico).

Comincio io:

Elogio del sabato del villaggio... e dell'aperitivo




Forse il paragone non è rispettoso del grande Leopardi, ma permettetemi la licenza... dopo avere speso anni a studiare il grande poeta recanatese, un po' di confidenza me la prendo.
Nellla nota poesia Il sabato del villaggio il poeta si rivolge a un ragazzetto, parlando del sabato:

Questo di sette è il più gradito giorno,
pien di speme e di gioia:
diman tristezza e noia
recheran l'ore, ed al travaglio usato
ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Garzoncello scherzoso,
cotesta età fiorita
è come un giorno d'allegrezza pieno,
giorno chiaro, sereno,
che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo'; ma la tua festa
ch'anco tardi a venir non ti sia grave
.

Il sabato è un giorno che precorre la festa, pieno di speranza e di gioia dell'attesa. Una speranza sicura, non incerta. La gioia arriverà, è certo. Ed è già nell'attesa.
Per questo amo il momento dell'aperitivo, dei preparativi, del riempire le valigie, dell'organizzare un viaggio, dell'immaginare una lezione...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...