venerdì 31 agosto 2012

La libreria dei nuovi inizi per i venerdì del libro

Dovete sapere che ho creato un gruppo FB, Segnalibro: consigli e sconsigli di lettura, che è molto affiatato e allegro, proprio come una sala da tè, di quelle rivestite in legno e con porcellane romantiche sparse su piccoli tavolini, dove si può sorseggiare una bevanda e chiacchierare amabilmente. Da qualche giorno in questa sala virtuale ha preso il via il Circolo di lettura, dedicato a:


(che io ho acquistato in e-book al prezzo speciale di € 1,99 e letto comodamente sul mio smartphone).
L'ambientazione: Shelter Island vicino Seattle, un'isola propizia alla nebbia, al vento e all'incanto con una libreria antica e magica.
La protagonista: Jasmine, americana ma di origini indiane, delusa da un matrimonio finito e portatrice del dono di sentire gli spiriti dei libri e degli scrittori.
Basterebbero questi ingredienti per appassionare ogni amante della lettura, se poi ci aggiungiamo scrittori che riemergono dal passato per esprimere pareri, personaggi che vivono e un amore romantico...
Tutto sommato ve lo consiglio per questo scorcio d'estate, anche se non vi nascondo qualche difetto: ho avuto come l'impressione di spunti non sviluppati. Avrei voluto più profondità nella descrizione della libreria magica, del circolo delle lettrici e del gruppo di lettura ad alta voce per il gruppo di bambini... Anche il viaggio in India è solo accennato. 
Forse lo spunto che avrei sviluppato di più è proprio l'ambientazione, la libreria: una bottega di libri come non ce ne sono più, non ancora sopraffatta dalle ondate del marketing e dell'ultima moda letteraria, un luogo di incontro e di amicizia, in cui sono i libri a scegliere i lettori venendo incontro ai loro desideri e ai loro bisogni inespressi.
Conoscevo una libreria così, in cui in due stanzette zeppe di libri, si veniva accompagnati a scegliere la lettura giusta, ma nella mia città a volte succede ancora che gli esercizi commerciali debbano chiudere per incendi dolosi a scopo minatorio. E così è stato di quella libreria.

Un libro, una citazione: "I libri sono molto più di un prodotto da vendere. Dentro c'è il nostro passato, la nostra cultura, interi mondi. Se non lo sai, i libri sono un antidoto alla tristezza".

Un libro, una discussione: mi piace riportare qui un commento della 'povna... "Curioso: partendo dalla stessa base - l'amore per i libri che parlano di libri - abbiamo avuto due reazioni completamente diverse. Proprio perché li amo, mi dà fastidio quando la meta-letterarietà è solo un modo per intramare quello che ho percepito come un Harmony di bassa lega, in cui non c'è nessun rudimento di intreccio, lessicale, di stile. Per tacere del genere (non si gioca impunemente con il soprannaturale, bisogna saperlo maneggiare in modo da renderlo piacevole per il lettore, non un congegno che riesce nell'impresa di essere insieme prevedibile e mal gestito). Per 99 centesimi mi prendo un ottimo caffè al bar, che è molto più di quanto ho trovato in questo libro. Io adoro le letture da ombrellone (Zafon per esempio in questo ambito è perfetto), e non sono per niente snob, leggo veramente di tutto (andando con allegria dalla Wolfe a Glattauer, nell'ambito delle soft comedy). Però anche la letteratura easy bisogna saperla scrivere, e non basta un po' di salsa finto-letteraria per renderla chic (non tutti i filmetti romantici, in fondo, sono degni di Nora Ephron!)".

Con questo post partecipo a I venerdì del libro di Homemademamma

13 commenti:

  1. Lo leggerei anche solo per quella citazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E, come ho detto, ci sono anche molti altri spunti interessanti...

      Elimina
  2. Me lo segno perchè mi ispira!

    RispondiElimina
  3. Ciao mi chiamo Maria e arrivo qui per caso. Adoro i libri e il libro che hai segnalato mi ispira molto, l'ho messo in cima alla lista dei prossimi libri da leggere. Ciao e piacere di conoscerti!! P.s. che bel blog!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta! A presto allora!

      Elimina
  4. E' un libro che ho segnato per la copertina, il titolo e la trama ma il fatto che interessanti aspetti siano solo accennati mi lascia perplessa e poi quella frase di 'povna "Harmony di bassa lega..." ancora più perplessa.
    Che faccio leggo o aspetto la terza recensione di Paola??

    Quasi, quasi entro nel tuo gruppo su FB anche se non sono assidua su blog e FB, non so forse serve continuità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entra pure, non ci sono impegni di nessun tipo... ti aspetto!

      Elimina
  5. Eccomi qua. Non credevo di farcela a partecipare perché sono ancora in vacanza, ma visto che oggi è proprio il giorno di questo libro, ho pubblicato da me la mia recensione di sconsiglio. Ciao, e grazie! http://nemoinslumberland.wordpress.com/2012/08/31/la-libreria-dei-nuovi-inizi/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aggancio qui: da Paola mi sembrava di non aver visto per la prima volta quel titolo, ma ero di fretta stamattina. Ora alla luce delle parole della 'povna e del tuo trovare elementi non ben sviluppati (quelli che più mi interesserebbe vedere approfonditi tra l'altro) direi che non lo leggerò. Grazie.

      Elimina
  6. Aspetto che torni disponibile nella nostra biblioteca

    RispondiElimina
  7. Ho letto la recensione di Paola e anche la tua. Non mi sembrava così malaccio, anzi, mi ha piuttosto incuriosito, anche se per ora non lo leggerò che ne ho altri in attesa. Forse un giorno...chissà. Grazie, ciao a presto! :)

    RispondiElimina
  8. Caspita, sei un pozzo di idee, Palmy! Ho inviato adesso via FB la mia richiesta di iscrizione al gruppo.
    A presto!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...