lunedì 10 dicembre 2012

3 benefìci dell'apprendimento hands on

Si apprende attraverso la scoperta e l'esperienza. È così nella vita e non si vede perché debba essere diverso a scuola. Vale la pena sacrificare qualche dettaglio nozionistico o qualche cavillo teorico per dare spazio alla personale ricerca dello studente. I benefìci dell'apprendimento hands on (quello che qui abbiamo maldestramente ma efficacemente tradotto come studiare con le mani) sono molteplici del resto.

1) Si impara più facilmente. Le neuroscienze hanno dimostrato che leggendo si impara un 30%, ascoltando un 50%, ma facendo si impara l'80% del messaggio che riceviamo. Per esempio, se uno studente ha la possibilità di realizzare un'iniziale miniata, il modello di un continente in pasta di sale o la riproduzione di una vetrata, difficilmente dimenticherà l'argomento così appreso, in quanto le nozioni saranno collegate alle azioni che egli ha svolto. Collegando l'apprendimento all'esperienza, sarà più facile imparare.



2)
Aumenta la motivazione allo studio. Perché è divertente apprendere mentre si fa qualcosa, è soddisfacente costruire un oggetto o sporcarsi le mani per imparare. Pensate se non è divertente stendersi a terra e imitare dal vivo il modo di dipingere di Michelangelo:




3) Viene facilitato il lavoro di gruppo: assegnando agli alunni dei progetti pratici, si potrà senza difficoltà dividerli in piccoli gruppi che saranno di per sé una palestra per imparare un metodo di lavoro collaborativo e interattivo.

La ricerca didattica dimostra che le classi in cui si utilizzano metodologie hands on e cooperative aumentano i loro risultati nei test (Pratt e Moesner 1990).

Immagini da qui e da qui.


4 commenti:

  1. Infatti è uno dei modi più semplici per apprendere, concordo con te, e grazie per l'articolo, non tutti ne sono a conoscenza. :-)

    RispondiElimina
  2. Quello di dipingere la cappella sistina sotto il banco l'ho fatto anch'io. Non ti dico tutte le strategie che hanno cercato i bambini per stare il più comodo possibile. Un bimbo alla fine mi ha detto scherzando: "Io Michelangelo lo odio!!!". Però tutti se lo ricordano!

    RispondiElimina
  3. Grazie Palmy per aver condiviso con noi questo splendido post ... sono d'accordo con te se i bambini fanno ricordano e imparano!!! Come mi piace l'idea di dipingere sotto il banco ... da fare sicuramente!!!
    buona settimana Patrizia

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...