venerdì 18 gennaio 2013

Pannocchie da Nobel per i venerdì del libro

Cari amici del venerdì del libro e cari lettori, oggi voglio presentarvi un libro per ragazzi, adatto a mio parere già dalla quinta classe di scuola primaria, anche se la casa editrice, Editoriale Scienza, lo assegna alla fascia dagli 11 anni in poi:


Il libro, che è parte della collana Donne di scienza, è la storia di Barbara McClintock, la prima scienziata a vincere il Premio Nobel per la medicina senza dividerlo con un uomo (1983). Barbara dimostra fin da piccola una spiccata curiosità per come funzionano le cose, a tal punto da apparire diversa dalle coetanee. A scuola, poi, diventa la paladina del pensiero divergente e trova ai problemi soluzioni creative con metodi nuovi. 
La capacità di osservazione è in lei potenziata dalla straordinaria abilità a concentrarsi su un oggetto, dimentica persino di sé stessa: "riuscivo a essere attenta a ogni dettaglio, perché solo dai dettagli si capisce tutto". 
Un'attenzione che deriva da una conoscenza approfondita: "sentivo che potevo conoscere ogni pianta, ogni chicco, ogni cromosoma come se fossero vecchi amici". 
E sono proprio i cromosomi delle pannocchie che le permettono di scoprire i "geni trasponibili", ossia quelli che mutano, variando la propria posizione all'interno del DNA e provocando l'evoluzione della cellula e, spesso, il miglioramento della specie.
Dal racconto, lineare e coinvolgente, emerge anche un suggerimento di metodo valido anche al di là dell'ambito scientifico, e con questo vi voglio salutare:
"Io ero arrivata alle mie conclusioni seguendo una regola che mi ero data molti anni prima: guarda ai fatti, diceva la mia regola, usa la tua immaginazione per collegare questi fatti tra loro meglio che puoi. Poi usa ancora l'immaginazione per balzare dai fatti che hai in mano a quello che non hai ancora. Pensa dove si potrebbe trovare e, infine, vai a cercarlo".
Keller decise non a caso di intitolare A feeling for the organism (Una passione per gli organismi) la biografia della McClintock, volendo esprimere con questo che anche la scoperta scientifica è fatta di sensibilità, immaginazione, passione e creatività, ci avevate pensato?

8 commenti:

  1. Cara Palmy! Devi farmi un favore. Io non riesco ad annotare tutto. Ora forse questo libro non è adatto per piccoli lettori ... 7 anni... ma magari tra qualche annetto sì, oppure dimmi tu, in ogni caso... tu potresti raccogliere tutti i libri che introducono la scienza a bambini/ragazzi, ivi compreso questo? certo, io potrei segnarmi il tag science... se dici che li trovo tutti lì, lo terrò a mente, altrimenti... una cosa su cui pensare. Ti scriverò presto priv, non appena la figlia... molla la presa... quando è ammalata è una COZZA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai, non sei la prima persona che mi chiede di raccogliere i vari suggerimenti, post e argomenti del blog... mi sa che devo scrivere un e-book!

      Elimina
    2. be'... già una pagina dedicata sarebbe un buon inizio;) ripasserò... ... ... sono fiduciosa;)

      Elimina
  2. Come sempre le tue proposte sono miniere! Bello.

    (ps. per il film 'noir' ho bisogno di chiarimenti: ti ho risposto da me).

    RispondiElimina
  3. Pietro adora la scienza anche se hanno cominciato questo annoin seconda, ma con una maestra che fa "toccare" le varie cose che spiega, osservare e fare esperimenti. Lo ritrovo molto in queste parole quindi ....ecco là idea azzeccata

    RispondiElimina
  4. Molto interessante! Lo inserirò tra le biografie di grandi donne che propongo di tanto in tanto a mia figlia dodicenne: giusto per controbilanciare molta informazione corrente piuttosto maschile ;)
    Sei sempre preziosa!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo!
    ottimo spunto per un regalo a Matilde che impara toccando e creando
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  6. Me lo appunto per quando mia figlia sarà più grande, mi sembra molto bello!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...