mercoledì 23 ottobre 2013

Mare al mattino

Leggo spesso libri collegati tra loro come grani di un rosario che ripetono in mille tonalità di voce la stessa preghiera. Libri sull'Olocausto, per esempio. Ma anche libri sui viaggi dei migranti, e su emigrazione e integrazione. Un libro tira l'altro. E proprio nei giorni in cui è accaduta la tragedia dei migranti seppelliti dal mare di Lampedusa ho deciso di leggere Mare al mattino:
La storia di una parte del nostro popolo mandato a colonizzare l'Eritrea e poi improvvisamente riportato indietro e condannato ad un limbo senza patria. La storia di una famiglia, madre e figlio, discendente da quella porzione di popolo italiano. E la storia di un'altra madre e di un altro figlio che percorrono lo stesso tratto di mare ma all'inverso per trovare una nuova patria. Tragedie comuni sulle opposte sponde del Mediterraneo, tragedie comuni sui lembi della storia. Che ci fanno accostare a quelle vite "mai arrivate a destinazione" sepolte dall'acqua minacciosa di un mare affrontato su carrette improponibili con un altro sguardo. Di pietà umana e nient'altro. Perché tutte le altre considerazioni, davvero, vengono dopo.

1 commento:

  1. Argomenti che in queto momento mi interessano particolarmente... Mi sa che me lo compro, grazie!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...