lunedì 21 settembre 2015

M. e i 4 kg di pasta




Classe prima media. Il primo giorno la prof chiede a tutti di presentarsi e di rivolgere qualche parola alla classe. M., alunno Asperger (autismo ad alto funzionamento) alla sua docente di sostegno: "Io sono qua per imparare, non per perdere tempo".

Scuola è anche cominciare a conoscere un po' questi personaggi.
Lui dice sempre senza eccezione quello che pensa, senza riuscire a mentire e non accetta le convenzioni scolastiche, che risultano un po' stupide anche a te, dopo che lui le ha passate al vaglio. "Se una mamma compra un etto di prosciutto a €...., due vasetti di yogurt a €.... e 4 kg di pasta..." arrivato alla pasta chiude il quaderno e chiede: "Perché 4 kg? A che servono?". "Sarà la spesa della settimana" - dice la sua docente di sostegno. "Sono troppi anche per una settimana", la risposta.
Credo di aver trovato IL personaggio di quest'anno.
M. soffre il caldo che sfortunatamente ci attanaglia in questi primi giorni di scuola. Così, dopo aver scoperto che nella mia stanza ho l'aria condizionata, si siede di fronte a me alla mia scrivania e legge i racconti di E. A. Poe. 
"M., - gli dico - puoi venire qua quando vuoi, ma devi portarti qualcosa da fare, un libro da leggere o un compito da completare". "Ok", mi dice. Ogni tanto mentre io passo da una telefonata a un colloquio, da una cartaccia a una rogna, interrompe la lettura e mi esterna qualcuna delle sue considerazioni: oggi ha voluto avere chiarimenti sulle mie rassicurazioni del primo giorno di scuola sulla teoria gender.
Arriva la mamma e la prima cosa che le dice è "Mamma, mi trovo benissimo in questa scuola". Poi guarda la prof di sostegno e afferma perentorio: "Provo un grande affetto per te".
Prevedo ulteriori sviluppi.

9 commenti:

  1. geniale questo ragazzino: come tutti i ragazzi autistici è molto speciale!!!

    RispondiElimina
  2. Un tempo li chiamavano "impertinenti", "arroganti" e "polemici" e potevano ridurre un Consiglio con i nervi a pezzi, finché non interveniva un insegnante di più larghe vedute, così come molti dislessici erano catalogati tra i "somari". Ne sappiamo ancora tanto poco di come funziona il cervello, e tutte le teorie sono in grande evoluzione, ma il tempo e l'esperienza ci aiuteranno.
    Credo di avere anch'io un Asperger, probabilmente non molto accentuato. Per fortuna non si annoia troppo perché la classe è piuttosto brava. Naturalmente passa una buona metà del tempo a disegnare o a farsi i fatti suoi.
    Tienici informati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il cervello è ancora in gran parte un mistero...

      Elimina
  3. (Comunque si possono comprare 4 kg. di pasta per ottimi motivi, per esempio perché c'è un offerta speciale) ^__^

    RispondiElimina
  4. un bambino che può arricchire la classe, se la classe comprende la sua "personalità " buon lavoro preside! .. Ah ho preso una pausa dal blog ma passerò sempre a leggere i post delle persone che ho imparato ad apprezzare in tutto questo tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pausa l'ho presa anche io, pubblico con molta meno frequenza...

      Elimina
  5. Bellissimo ritratto, bellissimo spunto per riflettere. E, come sempre (manco un po' dal mio blog e dai commenti su quelli altrui, ma ho continuato a leggere e seguire quelli a cui ero affezionata ;-) ), bello scoprire che esistono ancora persone in grado di comprendere la sensibilità tutta particolare di chi è speciale.

    Bellissimo post|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non ci sono più con assiduità. Scrivo solo quando è impellente...

      Elimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...