domenica 24 agosto 2014

Itinerari a Londra: per iniziare


Se dovessi suggerire a chi va a Londra per la prima volta un itinerario panoramico per farsi un'idea della città e cominciare a gustarne la magica atmosfera, direi sicuramente di iniziare da Southbank. Si può scegliere di attraversare il Tamigi da Westminster o da Hungerford Bridge (le arcate moderne che vedete nella foto), ma il risultato sarò comunque una bella passeggiata e delle vedute panoramiche dell'altro lato del fiume che offrono una visuale privilegiata sulle mete più conosciute e sullo skyline della città:


incontrerete le zone vivaci e sempre affollate del Southbank Centre, passerete accanto ai ponti più centrali, attraverserete allegri spiazzi come Gabriel's Wharf, vedrete la Tate Modern, lo Shakespeare's Globe, la scheggia in vetro dello Shard e poi la zona più in penombra della prigione medievale.

Un altro modo per sfruttare bene il tempo a disposizione è fare il London Pass, abbonamento che permette l'ingresso alle attrazioni a pagamento più visitate in città. Noi lo abbiamo fatto per tre giorni (c'è anche la formula per uno o sei giorni) e possiamo dire che la scelta ha i suoi pro e i suoi contro. Per i pro:
-permette di avere uno sconto sull'ingresso piuttosto esoso di molte attrazioni imperdibili (come Westminster Abbey, Tower of London, Windsor, Hampton Court...)
-la promessa è quella di saltare completamente le file
-costringe a ottimizzare il tempo a disposizione visto che si tratta di un abbonamento che scade
Per i contro:
-lo sconto non è una gran cifra
-le file ci sono lo stesso anche se in misura molto minore (c'è la fila prioritaria del London pass e quella dei "comuni mortali" che è moooolto più lunga
-alcune attrazioni ne sono escluse (St. Paul, il Museo delle cere di Madame Thussaud - se interessa -, il London Eye)
-costringe a correre un po', bisogna dirlo. Altrimenti non si sfrutta a pieno.


Detto questo, alla fin fine, se non avessimo avuto il London pass alcune cose forse non le avremmo viste e vi avremmo rinunciato scoraggiati dal ticket di ingresso: lo Shakesperare's Globe per esempio, i Kew Gardens e Hampton Court Palace. E sarebbe stato un vero peccato!

4 commenti:

  1. Concordo pienamente! Aspetto il resto del racconto. Ma siete stati bene? Vi è piaciuto?

    RispondiElimina
  2. Cara Palmy, Londra è la mia città preferita, quella in cui sento di stare meglio. Adoro il suo carattere multirazziale, il suo cielo plumbeo, il verde che la circonda, il profumo di cipolle soffritte a Portobello, i sorrisi etnici di Brixton, il rosso di Covent Garden, la maestosità di certi palazzi, l'aria frizzante di Soho....e tutto quello che hai potuto assaporare.
    Grazie per il tuo racconto, per la passeggiata che ho rifatto e che rifarei altre mille volte in questa meravigliosa città:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto una sintesi molto corrispondente al vero! Pubblicherò presto altri post, uno non bastava di certo!

      Elimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...