giovedì 20 maggio 2010

Riflessioni


Riflettevo su come nella vita si incrocino mille sentieri e si possano dipanare mille e mille possibilità. Chi si sposa prendendo una decisione affrettata e poi ritorna sui suoi passi imboccando un nuovo percorso. Chi si pente amaramente di essersi legato a una donna nella quale aveva intravisto la possibilità della felicità senza trovarne poi neanche l'ombra. Chi , guidato dalle circostanze e da momentanei preconcetti scambiati per incrollabili convinzioni, strada facendo trova il vero amore e nuovi orizzonti mentali. Chi è ogni giorno appagato e stupito della persona che ha accanto pur non avendoci scommesso preventivamente una lira.
Ho imparato a non giudicare frettolosamente: il film che stai vedendo potrebbe essere solo all'inizio.
Ho imparato anche a non etichettare dall'esterno: se non ti trovi fino al collo nella situazione difficilmente potrai riprodurla dentro di te, figuriamoci capirla a tal punto da incasellarla.

Segnaletica in Antartide (da qui)

9 commenti:

  1. Ciao palmy,
    eureka!
    Esclamerai. Bè mi sono trovata per caso a postare quasi un identico argomento...
    Spesso mi trovo in sintonia perfetta con te...
    Sto percorrendo il mio sentiero solitario, dove faccio poche visite al gorno. Ma oggi era doveroso venirti a salutare e dirti che comunque ti leggo, apprezzo molto il tuo lavoro su di te e sul blog
    Un abbraccio caloroso, da chi non ti ha dimenticata. Ma sai anche il perché della mia assenza dall'web
    A presto
    Lilly

    RispondiElimina
  2. Ehi, filosofa. La possibilità di incroci è un numero infinito: purtroppo siamo liberi! Ma io credo una cosa: la vita che vivo è la migliore possibile per me. Pensa che l'ho imparato da una soria di Paperino su un vecchio giornalino.
    Comunque, bellissima foto!!!

    RispondiElimina
  3. "Non giudicare mai nessuno prima di aver fatto un miglio nei suoi mocassini"

    Antico proverbio pellerossa

    Un abbraccio
    Catia

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto la tua riflessione, mi trova in pieno accordo col mio pensiero, anch'io non amo giudicare e quando incontro chi lo fa con me come primo approccio, comincio a sentire odore di bruciato, non so se mi spiego....
    Mi soffermo alla frase che mi ha catturata di più "Ho imparato a non giudicare frettolosamente: il film che stai vedendo potrebbe essere solo all'inizio".
    Non ci resta che augurare "Buona visone!"
    Bacioni!

    RispondiElimina
  5. @ maga di endor: effettivamente ho letto il post cui ti riferisci e noto anch'io una certa sintonia!!!!

    @ catia: era quello che intendevo dire... i proverbi di queste antiche culture sanno esprimere molto bene le grandi verità della vita

    RispondiElimina
  6. @ maria stella: la libertà... il dono più grande che gli dei abbiano fatto agli uomini (Cervantes). Già. Ma spesso ciò che manca è il discernimento come capacità di scegliere il bene. Poi, come dici tu, l'accettazione della vita che ti è capitata è il punto di partenza essenziale per perseverare e nelle situazioni più inaccettabili per avere il coraggio di cambiare!

    RispondiElimina
  7. @ miriam: la cautela nel giudicare è una delle virtù più importanti per una persona matura...

    RispondiElimina
  8. concordo in pieno, saggia riflessione!
    un abbraccio solare
    StefiB

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...