mercoledì 1 dicembre 2010

We are mathematicians!


Non l'avrei mai immaginato, ma il metodo Montessori ha rappresentato per me la chiave per aprire la porta del mondo della matematica, che mi era rimasto da sempre occluso per via della convinzione di non poterla capire...
Bene, oggi ho scoperto... Caleb Gattegno, matematico egiziano inventore dello geoboard (in italiano geopiano), materiale per imparare la geometria. Gattegno è anche l'inventore dei numeri in colore che rappresentano un materiale più astratto delle perle montessoriane e dei Blocchi Multi Base. I numeri in colore, infatti, non presentano la suddivisione in unità ben distinguibili come sono invece le file di perle e come ricordano ancora le scanalature dei Multi Base. Per quanto riguarda il geopiano, però tanto di cappello a Gattegno...
In questa pagina della maestra Elisa troviamo un reportage sullo studio dei poligoni su un geopiano fai da te, con le spiegazioni di come realizzarlo con compensato e chiodi. Una versione più friendly è quella di pinkandgreenmama, di cui ho pubblicato la foto.
In questo sito invece troviamo un geopiano virtuale in cui l'elastico si sposta con il mouse. In quest'altro sito un'altra versione. E qui un'altra spiegata passo passo. Se volete comprarlo già bell'e pronto, su giodicart una versione poco costosa.
Qui un video di utilizzo del geopiano:



Come usarlo, dunque? Sul sito matematita vi sono diversi suggerimenti. Si può comunque cominciare, per i più piccoli, dal copiare delle figure da un geopiano all'altro e poi da un foglio o dalla lavagna al proprio geopiano. Più complicata l'azione inversa, dal geopiano al foglio a quadri in cui il bambino dovrà contare le lunghezze e riprodurle. Il grado di difficoltà aumenterà se devono essere riprodotte figure con angoli obliqui. Si possono anche osservare e studiare le simmetrie, o utilizzare il geopiano per contare, fare somme, sottrazioni, moltiplicazioni. Sarà facile comprendere i concetti di perimetro e area anche su poligoni disegnati in posizione diversa da quella ortogonale a cui siamo abituati dai libri... In questo sito il racconto dell'esperienza di alcuni bambini di disegnare con gli elastici.

Update del 12 dicembre 2010:
Inserisco anche il lavoro di Tajine di pensieri: in questo post racconta di come hanno costruito il loro geopiano, il risultato è molto carino! Brava r@!

12 commenti:

  1. Grazie Palmy..mi hai permesso di rivedere un lavoro mio che ha appassionato tanto ..i bambini erano entusiasti ...ed estasiati ..ci hanno giocato moltissimo e hanno imparato tanto con il geopiano..
    un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  2. Mi sto appassionando alla didattica della matematica e, in questi giorni, sto seguendo un laboratorio sull'introduzione del numero a partire dalla scuola dell'infanzia. Anch'io, come te, sto scoprendo un mondo nuovo!

    Non conoscevo affatto il geopiano... grazie mille!

    RispondiElimina
  3. Il tuo blog è MERAVIGLIOSO!!!
    Ti ho appena conosciuto ,e ci vorrà un bel pò di tempo per scoprire tutto quello che hai scritto. Ho sbirciato qua e la... ed ogni post merita davvero attenzione.
    Complimenti
    Sabrina

    RispondiElimina
  4. Palmy, per me vale la stessa cosa, l'approccio montessoriano alla matematica mi ha "guarita" dal mio senso di inadeguatezza nei confronti di questa materia.
    E mi sono anche un po' arrabbiata per la "sfortuna" di non aver avuto la possibilitá di conoscere la matematica dal lato montessoriano, cosí chiaro, giocoso, fantasioso e facile: quante ore di lacrime dalla serie non-riesco-proprio-a-capire, quanti mal di pancia per niente, quanti sforzi per imparare a memoria senza essermi avvicinata nemmeno per un millimetro al concetto di base. Poi é vero che sono uscita con un 10 dalla scuola media, ma sono convinta che i miei figli comprendono molto meglio i "segreti" della matematica, grazie fra l'altro ai materiali e concetti di questo meraviglioso mondo...
    Grazie per questo post. Mi ricordo il mio stupore quando ho visto per la prima volta un geopiano nella nostra ex scuola. Non é possibile non mettersi subito a provarlo...! :)

    RispondiElimina
  5. non conoscevo questi materiali! grazie mille! io la matematica l'ho sempre presa come una sfida e mi divertiva, ma presentarla come un gioco è ancora meglio. se ci sono gli elastici, poi!!!!!

    RispondiElimina
  6. @ elisa: grazie a te!

    @ mugs: in verità ho capito che il geopiano è un sussidio piuttosto comune, ma la mia ignoranza in materia mi permette di parlarne come di una scoperta!

    @ Sybille: grazie del tuo contributo, mi hai fatto ricordare quello che ci hanno spiegato al corso Montessori: alla fine apprendiemo ugualemnte in qualsiasi condizione ma a prezzo di adattamenti continui del cervello, del corpo, dello spirito a qualcosa di disagevole e di contrario alla predisposizione naturale...

    @ melablu: scusa l'abbreviazione del nick... il mio obiettivo ultimo è diffondere l'idea che apprendere possa essere piacevole!

    RispondiElimina
  7. @ sabrina: benvenuta, vengo a trovarti sul tuo blog... a presto!

    RispondiElimina
  8. Sempri ottimi spunti didattici nei tuoi post!
    Mi permetto di segnalarti un lavoro che ho svolto in classe in questo periodo e che ho pubblicato appena ora...aspetto tuo esperto parere :)come pure quello sempre molto attento dei tuoi lettori e delle tue lettrici!!!

    Baci
    france

    RispondiElimina
  9. ciao, mi chiamo michela e sono mamma di una bimba in prima elementare (e di altre due che ci andranno una l'anno prossimo e una fra 3 anni).

    Mi interessa molto l'idea dell'home schooling part time; vedo che la mia bimba lavora tanto e bene per ora a scuola, ma l'idea di utilizzare tutti questi supporti per capire e memorizzare anche a casa, senza le "regole" della scuola mi sembra molto bello.
    Però sono, nonostante una solida formazione scientifica, grandi passioni letterarie, lontana dal mondo dell'insegnamento e non vorrei far guai. C'è un'età adatta, per esempio, per questo geopiano? non vorrei ingenerare confusione.

    Mi sai consigliare qualche lettura semplice che mi possa aiutare in questo lavoro di insegnante a casa part-time?

    Scusa se approfitto di te, ma il materiale che posti mi sembra bellissimo e utile, ma probablmente per più grandi...

    Eventualmente, se hai tempo, scrivimi una mail (tempo? ma chi ne ha mai!) il mio indirizzo è
    alluminioit-chiocciola-yahoo-punto-it

    grazie

    Michela

    RispondiElimina
  10. @ france: grazie dell'invito, vengo a leggere

    @ anonimo: ci sono cose adatte a ogni età, anzi spesso sono più numerose le proposte per la prima infanzia che per le altre età, come se alla scuola media i nostri ragazzi non avessero più bisogno di una didattica laboratoriale...
    Per quanto riguarda la lettura di un libro in italiano non c'è neinte che io conosca sull'homeschooling... Puoi documentarti sui blog citati da me a fianco sotto Homeschooling... A fianco trovi anche la mia mail ;-)

    RispondiElimina
  11. questo penso proprio che sia da fare al piu' presto!!!!!!
    Grazie

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...