lunedì 30 settembre 2013

Voglio una vita spericolata

(La casa diroccata, da qui

Se volete una vita spericolata non scegliete il paracadutismo, né di viaggiare a zonzo per il mondo. 
No, vi basterà vincere un concorso per dirigenti scolastici e fare i presidi! Nello stesso giorno vi può capitare di convalidare un contratto che cambierà la giornata se non la vita di qualcuno che avrà trovato un impiego, rispondere per iscritto a un avvocato sul piede di guerra, dare suggerimenti per la ristrutturazione del un sito internet, confrontare cataloghi di tute e divise, predisporre il programma di viaggio a Barcellona per due gruppi di cinquanta ragazzi per poi richiedere dei preventivi, chiamare il 118 per il malore di un alunno, scrivere al Comune per costringerli a completare i lavori che cominciano e cominciare quelli che tralasciano (niente di urgente, per carità, solo che manca la porta di una classe, le serrande in cinque, i rubinetti perdono tutti insieme, le cassette dei bagni non funzionano, in un plesso ti hanno fatto i lavori che la scuola spettava da anni e però hanno dimenticato di tinteggiare lasciando le aule ricoperte di una sorta di carta geografica incomprensibile... e chi più ne più ne metta). Vi siete stancati solo al leggere? Pensate a me che devo affrontare tutto ciò e per giunta correndo...

3 commenti:

  1. Solidarietà. ((((Tiziana))))

    RispondiElimina
  2. Siamo tutti con te!
    E anche tutti i bambini e le bambine, le famiglie e tutto il personale che lavora nel tuo istituto.
    Abbracci forti forti

    RispondiElimina
  3. Forza Prof.! Un bacio da mamma Simo

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...