venerdì 6 luglio 2012

La sorella di Mozart per i venerdì del libro

Cari amici del venerdì del libro, cari lettori,
oggi vi consiglio questo:




È il primo romanzo di Rita Charbonnier, scrittrice con un passato di attrice e cantante in teatro, proveniente da studi musicali. La protagonista è Nannerl, la sorella maggiore di Wolfgang Amedeus Mozart: entrambi i fratelli erano bambini prodigio, esecutori sopraffini, compositori. Ma Nannerl è sconosciuta al pubblico. Perché? Brutalmente per un solo motivo: perché era femmina. E il mondo dell'arte è sempre stato una prerogativa maschile. Eppure è grazie a Nannerl che noi oggi conosciamo l'opera di Amedeus: ella ha promosso la figura dell'artista, collaborando con i biografi, autenticando le composizioni e sovrintendendo alla pubblicazione. Potremmo dire che una strana telepatia univa i due fratelli e che Nannerl aveva una comprensione dell'opera del fratello che nessun altro poteva avere, per aver condiviso con lui tutto, eccetto il successo.
Vi lascio anche una mia sottolineatura:


Un libro che si può gustare con la mente ma anche con l'ascolto dei brani citati, con l'approfondimento del periodo in cui è ambientato e della storia della musica, un libro che ci fa percorrere anche le strade dell'Europa del tempo alla ricerca delle corti più generose e interessate al genio del musicista. Buona lettura!

27 commenti:

  1. La figura di Mozart è molto affascinante: l'estro,iltalento, la precoce età in cui tutto ebbe inizio, la morte avvolta nel mistero, le figure sempre un po' ombrose dei famigliari.

    In passato mi sono documentata sulla figura della moglie bambina, Costanza, presa dalla curiosità di capire come questa ragazza aveva vissuto i pochi anni in compagnia di un genio di tale portata. L'altra importante figura femminile, la sorella, l'avevo incorciata appunto per l'importante ruolo svolto nella conservazionw del lavoro del fratello. Ma questo libro non l'ho ancora letto.

    Spero di poterlo far presto, magari a Salisburgo.

    Buon week end

    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Salisburgo sarebbe il massimo! Se lo leggerai mi piacerebbe sapere la tua opinione...

      Elimina
  2. Frase condivisibile appieno, libro molto interessante, soprattutto per l'abbinamento con i brani musicali!Grazie del suggerimento, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto, un libro che coinvolge diversi sensi ;-)

      Elimina
  3. Interessante la proposta, e molto bella la citazione!

    RispondiElimina
  4. interesaante, lo cercheró: dopo aver visto Amadeus, una vita fa, mi sono appassionata alla vita di Mozart e questo
    tassello mi mancava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vale la pena... se lo leggi fatti viva con la tua recensione...

      Elimina
  5. Alla fine del mese è il compleanno di mio padre e questo libro calza a pennello...ora me lo segno...grazie :-)

    RispondiElimina
  6. Sempre la solita storia, Palmy. Mi ricorda la sorella immaginaria di Shakespeare di cui ho parlato qualche tempo fa.
    Fortunatamente noi oggi possiamo dire "speriamo che sia femmina" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sorella però non è immaginaria, purtroppo la sua storia è vera...

      Elimina
  7. Bellissimo, molto interessante... Lo cerco subito! grazie!

    RispondiElimina
  8. fantastico, con questo libro mi risolvi il problema di cosa regalare a un'amica! grazie :)

    RispondiElimina
  9. Ciao, ma sai che tempo fa ho scritto un post sulla sorella di Mozart, dove ho citato anche questo libro e il film che ne è stato tratto, ti lascio il link, magari ti fa piacere leggere quello che ho scritto. Intanto che ho fatto un giro da te mi unisco anche ai tuoi lettori. Ti aspetto a presto.
    Antonella


    http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2012/05/la-sfortunata-storia-di-nannerl-mozart.html?utm_source=BP_

    RispondiElimina
  10. Grazie per il suggerimento e buon we :D!

    RispondiElimina
  11. Bella citazione! E il libro mi ispira, anche se di solito non mi piacciono le "diatribe" tra uomini e donne. Pensa a quanto hanno sofferto e lottato alcune donne e come tante, oggi, hanno prospettive e ideali che le farebbero rivoltare nella tomba.

    RispondiElimina
  12. Sono molto contenta di vedere che un nostro suggerimenti sia andato a buon fine.Ora che lo hai letto anche tu ti aspetto su curiosando-tra-le-righe per un commento.un bacio

    RispondiElimina
  13. Ciao, sono passata ad invitarti ad un post di massa; se passi da me e leggi questo articolo capirai il perché

    http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2012/07/timbuctu.html?
    > utm_source=BP_recent


    stanno distruggendo qualche cosa che appartiene al patrimonio dell’umanità, ma nessuno ne parla, se vuoi aiutaci a spargere la voce e a sollevare un “polverone”.
    Oggi leggi l’articolo sul mio blog poi, se ti va invita quante più persone puoi a leggerlo inviando loro questo commento, poi, sempre se ti va, martedì 10/07 passa da me, copia il post che pubblicherò e mettilo sul tuo blog,se lo facciamo tutti insieme e ci aiutate a spargere la voce aumentiamo la portata e possiamo far sapere a tutti quello che sta succedendo , perciò , se potete fate girare questo commento. L’intento è quello di creare un fenomeno di massa che permetta di far trapelare la notizia il più possibile, nel nostro piccolo vogliamo dare un contributo, se ti va aiutaci anche tu. Collabora con me in questa opera di sensibilizzazione Audrey autrice del blog Borderline.
    Antonella

    RispondiElimina
  14. Ciao Palmy, grazie per il consiglio! questo libro starà presto sul mio comodino! Nel mio post di oggi parlo di te, spero che non ti dispiaccia!!!http://accidentaccio.blogspot.it/2012/07/vi-presento-un-blog-di-viaggio.html

    RispondiElimina
  15. Cara Palmy,
    grazie della bellissima pagina e delle lusinghiere parole che hai dedicato al mio romanzo! Sono molto felice della citazione che hai scelto: anche a me quel passaggio è molto caro...
    Complimenti per il bellissimo blog, grazie a tutte coloro che hanno commentato... e a presto!
    Un abbraccio,
    Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, spero di poter leggere molti altri tuoi libri... è un onore per me ricevere il tuo commento!

      Elimina
  16. conoscevo la storia della sorella di Mozart ma non sapevo del libro! grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
  17. ... ma che bello, il commento dell'autrice!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...