martedì 9 marzo 2010

Itinerario di viaggio in Provenza e dintorni


Eccomi con un altro itinerario di viaggio, anche questo già sperimentato, per di più in compagnia di un'altra famiglia (totale bambini max 9 anni: tre). Ne ho già accennato qui… ma se volete leggere un diario dettagliato trasferitevi qui.

-Prima tappa: anche qui non importa da dove si arrivi... abbiamo scelto di pernottare a Orange (in questo hotel posto in una piazzetta caratteristica), quindi abbiamo dedicato il pomeriggio a visitare la cittadina, che tra l'altro, annovera tra i suoi monumenti uno dei pochi teatri romani in cui il muro di scena è perfettamente conservato).
-Seconda tappa: Nimes, con l'anfiteatro romano con una sezione pensata per spiegare la civiltà romana ai bambini. Di pomeriggio, per concludere in bellezza la scoperta della Provenza romana, bagno presso il Pont du Gard (acquedotto romano sul fiume Gard, costruito 2000 anni fa per portare l'acqua da Uzes a Nimes, sfruttando un dislivello di soli 34 cm per km. La cosa impagabile è che si può fare il bagno nel fiume all'ombra dei suoi maestosi archi. Un luogo dove corpo e anima si rinfrancano all'unisono), nella foto.
-Terza tappa: visita di Avignone, con il palazzo papale e il ponte di St. Benezet. Meraviglioso pranzo nel parco cittadino di Rocher des Doms, con imperdibile vista sul Rodano. Nel tardo pomeriggio piacevole sosta a Isle sur la Sorgue. Incantevole, con i suoi mulini a ruota sul fiume dove impavidi canoisti sfrecciano sotto ponti bassi.

-Quarta tappa: di mattina passeggiata per il mercato di Carpentras. Vicino c'è anche un altro paesino interessante, Pernes Le Fontaines, che abbiamo visitato di pomeriggio.
-Quinta tappa: la Camargue, con i suoi fenicotteri, i tori, gli incredibili colori delle saline di Salin de Giraud, come si può vedere dalla foto in basso (che abbiamo girato in trenino). Di pomeriggio bagno a Saintes Maries de la Mer, in una spiaggetta zeppa di conchigliette e piccoli cornetti, che sono diventate subito un gioco per grandi e piccini.

Sesta tappa: di mattina immersione nella Provenza medievale con la visita a Le Baux de Provence e sulla strada del ritorno l'indimenticabile esperienza della Cathedral d'Images, con le immense proiezioni dei quadri di Van Gogh (nella foto un particolare dei corvi) sulle pareti altissime di una cava dismessa con l'accompagnamento di musica classica.
Settima tappa: Roussillon e le Ocre (detto, in verità un po' presuntuosamente, Gran Canyon provenzale). Di pomeriggio l'Abbaye de Senanque, l'abbazia circondata di campi di lavanda che si vede in tutte le cartoline della Provenza.
Poi dovendo prendere l'aereo a Nizza abbiamo passato due giorni in questa città molto carina.




13 commenti:

  1. Sono stata qualche volta in Provenza, vi abita una coppia di amici... ed è sempre una gioia rivederla. Itinerario bellissimo... mi viene voglia di tornare presto!

    RispondiElimina
  2. @ mugs: ti ho risposto sul tuo blog...

    RispondiElimina
  3. Che bello. Io metto via e conservo. magari, un giorno o l'altro... :-)

    RispondiElimina
  4. Grazie della tua visita, a presto :-)

    RispondiElimina
  5. Che bello e grazie infinite per questi itinerari testati, ne farò grande tesoro :)
    un raggio di luna...vista l'ora ;)
    StefiB

    RispondiElimina
  6. Ogni tanto ci andiamo anche noi, di solito per lunghi week end (da Milano non è impossibile). Non ho visto tutto ciò che citi. Nella Camargues hai dimenticato però Aigues morte (non mi ricordo lo spelling) che è molto bella. Ho sempre avuto pregiudizi sui francesi ma li trovo sempre infondati ogni volta che ho l'occasione di andarci.

    RispondiElimina
  7. Grazie per questo interessante itinerario,non siamo mai andati in Francia,ma sarà una tappa dovuta visto che il mio secondo figlio ha scelto francese come seconda lingua a scuola.Ti auguro una buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Mi fai fare un tuffo indietro nel tempo, ho fatto un viaggio in Provenza simile al tuo, parecchio tempo fa, bei posti, bello tutto ma da cancellare dai miei ricordi per la "compagnia" di quel periodo, se avessi potuto sarei rientrata da sola.
    Bacioni a te, comunque!!! Anzi, super abbraccio!!!

    RispondiElimina
  9. @ la prof: ti auguro di poterlo fare questo viaggetto, a voi "nordici" vien molto più comodo, no?

    @ maria stella: che invidia avere vicino posti così... Non ho dimenticato Aigues Mortes, era nei nostri programmi, ma questi non sono previsioni di viaggio, sono viaggi già svolti, per cui sicuramente riproducibili...magari senza bimbi al seguito si sarebbero fatte molte più cose ;-)

    @ mamma e mimma: la Francia non mi ha mai delusa!

    @ Miriam: che brutta cosa non godere appieno di posti così... ma spero tu possa ritornarci in più gradita compagnia!

    RispondiElimina
  10. ...eccomi qui...non e' mai troppo tardi... ;-)
    bello molto bello come itinerario...li sento molto "miei" come posti pur non essendo francese... :-)
    mi hai fatto rivedere con le tue parole cio' che i miei occhi e la mia pelle ha visto e , fortunatamente, di tanto vedo...
    grazie
    bb

    RispondiElimina
  11. io adoro la Provenza..che bella...leggendo il tuo post ho rivissuto i nostri momenti fantastici..non ho però visto ORANGE..missà che dobbiamo tornarci..non vedo l'ora..la prossima volta però a GIUGNO..così la lavanda sarà tutta completamente fiorita...che colori, che odori, che cielo!

    RispondiElimina
  12. conosco tutte le località che hai citato! viste in anni diversi perchè ci sono tornata per diversi anni e non smette mai di piacermi.

    RispondiElimina
  13. un post per me utilissimo! inviato al marito e stampato ! stasera vedremo l'itinerario.. grazie!!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...