giovedì 6 ottobre 2011

In memoria di Steve Jobs

Solo poche parole. Le sue a Stanford nel 2005.



Ogni tanto la vita vi colpisce sulla testa con un mattone. Non perdete la fiducia, però. Sono convinto che l'unica cosa che mi ha aiutato ad andare avanti sia stato l'amore per ciò che facevo. Dovete trovare le vostre passioni, e questo è vero tanto per il/la vostro/a findanzato/a che per il vostro lavoro. Il vostro lavoro occuperà una parte rilevante delle vostre vite, e l'unico modo per esserne davvero soddisfatti sarà fare un gran bel lavoro. E l'unico modo di fare un gran bel lavoro è amare quello che fate. Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi, come capita per le faccende di cuore, saprete di averlo trovato non appena ce l'avrete davanti. E, come le grandi storie d'amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continuate a cercare finché non lo trovate. Non accontentatevi.

Nessuno vuole morire. Anche le persone che desiderano andare in paradiso non vogliono morire per andarci. E nonostante tutto la morte rappresenta l'unica destinazione che noi tutti condividiamo, nessuno è mai sfuggito ad essa. Questo perché è come dovrebbe essere: la Morte è la migliore invenzione della Vita. E' l'agente di cambio della Vita: fa piazza pulita del vecchio per aprire la strada al nuovo. Ora come ora ‘il nuovo' siete voi, ma un giorno non troppo lontano da oggi, gradualmente diventerete ‘il vecchio'e sarete messi da parte. Mi dispiace essere così drammatico, ma è pressappoco la verità.

Il vostro tempo è limitato, perciò non sprecatelo vivendo la vita di qualcun'altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto è secondario.

Grazie Steve.
Le premesse della tua vita erano tutte negative e tu invece hai avuto una buona idea e ne hai fatto il grimaldello per cambiare un mondo, un mondo lineare, intransitivo, elitario che è diventato aperto, interattivo, più libero.



8 commenti:

  1. bellissime parole...grazie di averle condivise. addio ad un grande "genio".

    RispondiElimina
  2. il video dell'84 fa tenerezza... un altra era!

    d. (Apple addicted)

    RispondiElimina
  3. Come non condividere tali pensieri?
    Grazie Palmy;)

    RispondiElimina
  4. non so. io, in tutta sincerità, sono perplessa. e, forrest gump a parte, non sono così convinta di tutte queste belle qualità libere della mela...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. @ povna: non mi riferivo alla apple, che come tutte le aziende sottosta alle regole ferree del mercato, mi riferivo alla rivoluzione digitale, che non avrebbe potuto raggiungerci senza il primo personal computer con interfaccia grafica, il Mac.

    RispondiElimina
  7. Bel discorso, davveo. E i Mac sono così comodi ^__^

    (sì, anch'io sono addicted...)

    RispondiElimina
  8. verissimo e ora è dove si può godere tutto dall' alto

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...