sabato 8 ottobre 2011

To get a job - Trovare un lavoro (2)

Non smettere mai di imparare, dicevamo nella prima puntata, è il segreto del successo nella vita: ciò non vuol dire necessariamente accumulare titoli di studio, ma piuttosto accrescere le proprie competenze, sia quelle certificabili (un corso di lingua straniera, per esempio), sia quelle trasversali (lavorare sulle competenze relazionali, acquisire sicurezza, sapersi orientare), che quelle informali (dimistichezza con il web 2.0, approfondimenti e libere esplorazioni: non è raro il caso di chi delle proprie passioni ha fatto un lavoro, (pensiamo per esempio a molti fotografi, o a chi sa fare le torte e le vende ai ristoranti).
Questo ci porta ai punti di oggi:

1) certificare le proprie competenze, laddove è possibile, e schedarle per autocertificarle, laddove si tratti di apprendimenti informali: costruirsi, cioè, un curriculum per competenze. 

2) Accrescere la consapevolezza della propria identità, delle proprie caratteristiche, di quello che ci piace, che sappiamo fare e che desideriamo conoscere meglio. Se so dove vorrei arrivare, è più facile individuare il percorso che mi porta là e le eventuali risorse da acquisire.

3) Investire sul proprio capitale umano: aiutare i figli e chi cerca un lavoro a reperire e seguire dei percorsi di formazione, come un periodo all'estero nel proprio curriculum di studi.


Insomma, se dovessi dirla con una frase che diceva un grande amico: Sii imprenditore di te stesso! Questo è il segreto per costruire, cercare, migliorare il proprio lavoro...

Siti utili
Lifelong Learning Program
Mobilità Individuale per Alunni (interessante! si può frequentare un periodo fino a 10 mesi in una scuola estera)


Un altro suggerimento: un bel post di Post-mom: l'a e i o u di una mamma post moderna.

6 commenti:

  1. Mi inserisco un po' fuori tema, anche se non poi così tanto visto che io sono cresciuta parlando con mio padre a cena.

    Quando hai tempo, vieni qui:
    http://scuolainsoffitta.wordpress.com/2011/10/10/prova-lhomeschooling-indovina-cosa-si-impara-a-cena/

    "Indovina cosa si impara a cena?"
    è il nuovo filo conduttore per cercare idee da sfruttare a tavola epr insegnare qualcosa hai bambini.

    Ti aspetto,
    ciao

    RispondiElimina
  2. verissimo.... capire dove si vuole arrivare è il solo modo per trovare la propria strada.. ^_^
    Brava Palmy! Bel post!

    RispondiElimina
  3. Grazie Palmy,
    devo dire che questi sono ottimi consigli che andrebbero portati anche nelle scuole, già dalle medie, dove ai ragazzi andrebbe chiesto di riflettere su cosa vogliono-cosa possono-cosa sono in grado di fare,imparare,costruire con le proprie mani..e bellissima idea caffenero. in effetti la famiglia è l'istituzione educativa più importante oggi e deve fare di tutto per tirar fuori il meglio dai giovani (e anche dai meno giovani:io continuo a confrontarmi con i miei per le mie scelte lavorative e devo a loro tutta la fiducia che ripongo in ogni nuova avventura!)

    RispondiElimina
  4. Ne farò tesoro... per i miei figli, ma anche per me, non si sa mai!
    Interessante l'aeiou!

    RispondiElimina
  5. Ciao Palmy,
    anch'io ti invito a passare da me...sono sicura che potrà interessarti...e che un po' si collega al discorso di sfruttare tutte le occasioni per sviluppare abilità e competenze!

    france

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...