venerdì 28 settembre 2012

Le arance di Dubai per i venerdì del libro

Premetto che leggere questo libro è stata un'esperienza particolare visto che conoscevo da Facebook l'autrice e con lei avevo già scambiato diverse chiacchierate "libresche". So che il bovarismo non sempre è un'adeguata chiave d'accesso a un libro, ma la premessa che ho appena fatto vi aiuterà a capire perché ho immaginato l'autrice dietro ogni personaggio, ogni frase, ogni luogo saliente dell'opera.
Ho apprezzato questo libro per
-l'ambientazione siciliana in un tempo immaginario in cui la vendita agli Emirati dell'isola ha prodotto un sensibile miglioramento socio-economico
-il messaggio di integrazione e convivenza pacifica tra diversi popoli, uniti e separati dalle diverse vicende storiche
-i dialoghi filosofici che rimandano a un filone ben presente nella letteratura siciliana, da Sciascia a Bufalino
-la trama scorrevole che si incentra più sulle relazioni psicologiche che su eventi eclatanti
- la denuncia di un certo ceto siciliano alto-borghese che ha assistito con indifferenza e impotente senso di sconfitta alla disfatta della propria terra abbandonata a una classe politica approfittatrice e incapace.
Un appunto: l'ambientazione in un futuro prossimo (tra una trentina d'anni) forse avrebbe richiesto qualche azzardo in più nell'immaginare i progressi tecnologici;rapporto con l'hi tech, sms, i pad e mezzi di trasporto sono esattamente come quelli attuali e, vista la velocità con cui la tecnologia cambia, ciò appare un po' strano. Mi piacerebbe conoscere le ragioni dell'autrice su questa mia considerazione.

Questo post partecipa a i Venerdì del libro di Homemademamma.

10 commenti:

  1. Interessante. Capisco quel che dici sul leggere libri di autori che conosci. Almeno alla prima lettura, c'è sempre un effetto strano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non sai quanto imbarazzo nel decidere se scrivere o no quell'ultimo appunto... poi però ho deciso di essere sincera, spero che l'autrice non me ne voglia...

      Elimina
  2. È interessante, anche per l'ambientazione nel futuro. Potrebbe essere un piacevole cambiamento dopo aver passato tanto tempo immersa nel passato con Rutherfurd!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rutherfurd me lo sono procurato... ma per ora sto leggendo altro, rimarrà in attesa...

      Elimina
  3. Boh...forse perche' sono stanca (ovvero distrutta!!!!!!) mentre leggo il post....ma non ti attira granche'......magari domani rileggo il post a mente lucida!!!!

    RispondiElimina
  4. Ho letto e apprezzato molto la tua recensione. Hai fatto bene a cercarmi dietro i miei personaggi perchè io sono proprio lì; ci sono tanti frammenti di me e della mia storia ne "Le arance di Dubai", della mia amarezza per i problemi che affliggono la nostra terra, il desiderio, soprattutto giovanile, di abbandonarla, e la voglia, della maturità, di pensare al cambiamento, di non aspettare, di non delegare ad altri. C'è la rievocazione notalgica di una figura assente di cui, come Paolo, cerco delle tracce ancora a distanza di tempo, nei racconti degli altri, nei ricordi, nei volti. Quanto alla tua critica la accetto pienamente; scrivere è esporsi e accettare il giudizio, per migliorarsi, per capire come fare meglio. Posso solo dirti che anche questa "leggerezza" nel non pensare alle tecnologie future parla di me, del mio scarso interesse per ciò che è teconologico. Presa dalla voglia di affrontare i temi che mi stavano più a cuore, ho tralasciato questo dettaglio, non ho guardato alla tecnologia futura, così come mi coinvolgo pochissimo con quella attuale. Ma è giusto prenderne atto. Mi insegna, il tuo appunto, a dare importanza a tutto, a non tralasciare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua discrezione e la tua modestia sono da ammirare. Ti ringrazio davvero di questa "lezione"!

      Elimina
  5. Cara Tiziana... mi appunto il libro che la tua recensione mi ha fatto venir voglia di leggere e mi segno anche alcune parole dell'autrice: "scrivere è esporsi e accettare il giudizio, per migliorarsi, per capire come fare meglio." mi torneranno utili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta dell'autrice è per me più preziosa del post... è questo spirito di libertà e condivisione che apprezzo della rete!

      Elimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...