martedì 15 gennaio 2013

Di blog in blog: la carta, un materiale fantastico per... insegnare!

Nel 1658 Jan Amos Komenski, educatore e pedagogista boemo meglio noto come Comenius, pubblicò il primo libro illustrato per l'infanzia. L'intuizione felice che lo guidò fu la scoperta che l'accostamento tra parola e immagine facilitava l'apprendimento.
Nel mio post della staffetta Di blog in Blog di oggi desidero fare un omaggio a quest'uomo che con la sua idea ha rivoluzionato l'insegnamento europeo e mondiale. La staffetta il 15 di ogni mese riunisce diversi blog su un unico argomento, che questa volta è appunto La carta, un materiale fantastico per...




Chi volesse unirsi all'iniziativa o saperne di più può andare su questa pagina.
I precedenti appuntamenti li trovate qui. Del resto, lo sapete dai miei Teachable Moments, a cui invito anche tutti i partecipanti alla staffetta, ogni occasione è buona per imparare!


Il libro di Comenius, Orbis pictus o in inglese The visible world in pictures, assomiglia a un'enciclopedia illustrata per ragazzi ed è diviso in capitoli: la natura inanimata, botanica, zoologia, religione e umani con i loro mestieri. Con la sua semplice invenzione, il pedagogista ceco aprì la strada allo sfruttamento del canale audio-visivo per l'apprendimento e all'approccio visivo per imparare il lessico delle lingue.




Si tratta dell'antenato dell'odierno sussidiario. Potete vederlo qui, per intero. La pratica di utilizzare le immagini per facilitare la comprensione di concetti non era nuova, pensiamo alle vetrate e agli affreschi delle cattedrali medievali, che aiutavano i fedeli a capire la dottrina cristiana. Ma Comenio le utilizzò in un libro concepito espressamente per l'infanzia.
Per mostrare le potenzialità dell'idea sono state realizzate diverse esposizioni che coniugano le immagini del libro con le moderne tecnologie, con l'ausilio di touch screen, ipertesti e sistemi audio.

Spero di avervi invogliato a esplorare il fantastico mondo dei libri illustrati per ragazzi e a conoscere meglio questo personaggio così significativo. Chi volesse approfondire la tematica può visitare il sito delle Officine Fabriano che da qualche anno propone laboratori gratuiti nelle principali città italiane proprio sulla carta e sul libro.

I partecipanti della Staffetta di oggi sono: 



20 commenti:

  1. E' vero, ogni occasione è buona per imparare. E questa è una di quelle!

    RispondiElimina
  2. Sapevo che non avresti deluso e che il tuo sarebbe stato uno dei post più interessanti della staffetta. Sei una miniera preziosa per me! Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  3. Insomma, LA protodidattica. Molto interessante, grazie!

    RispondiElimina
  4. che bello mi hai insegnato una cosa in più che trovo molto interessante

    RispondiElimina
  5. Sempre interessante! Mi ispiri spesso spunti per me stessa e per i miei figli. Grazie!

    RispondiElimina
  6. bellissima lettura del tema proposto!!!mi è piaciuta la tua ricerca storica!

    RispondiElimina
  7. L'antenato del famoso sussidiario.....che scoperta!grazie di avercelo illustrato!:-)

    RispondiElimina
  8. Ho imparato una cosa nuova grazie a te!

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo questo libro di Comenio... evidentemente con la staffetta non si finisce mai d'imparare :)

    RispondiElimina
  10. Comenius fu un grande, e le sue idee cambiarono il senso stesso dei libri 'manuali' di riferimento. Ciò detto, se la scuola usasse un po' meno carta, il pianeta, tutto quanto, ringrazierebbe di sicuro...

    RispondiElimina
  11. Ed ho vinto, sapevo che avresti parlati di libri ehehe. Però hai dato un taglio veramente originale, anzi grazie per le preziose informazioni.

    RispondiElimina
  12. Complimenti, ogni cosa e' fonte di insegnamento, quindi grazie!!

    RispondiElimina
  13. tra qualche anno sì, comincerò a esplorare il mondo dei sussidiari... e anche se un po' dovrò rimettermi a studiare sono molto curiosa di vedere come si sono evoluti, dai miei anni di scuola...

    RispondiElimina
  14. Grazie per queste informazioni!
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
  15. Grazie...adoro la staffetta proprio per le cose nuove che ci porta!

    RispondiElimina
  16. A volte diamo per scontate le cose che appartengono al nostro presente (anzi passato, che bei ricordi il sussidiario), interessante, non conoscevo questa storia. Anche se poi quoto 'povna, soprattutto pensando allo scandalo dei testi scolastici con edizioni con aggiornamenti minimi che impediscono il mercato dei libri usati.
    I lab di Officine Fabriano invece li inseguo da un po'. Prima o poi...
    ciao!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...