venerdì 18 marzo 2011

I love Japan



"In Giappone ci sono 50 ingegneri e 300 operai volontari che stanno rimettendo in funzione l'impianto di raffreddamento della centrale nucleare.

Ieri Gheddafi ha detto che oggi ci sarebbe stata la battaglia decisiva a Misurata e Bengazi.

Cerchiamo di non dimenticarci di questa gente, mentre facciamo tutte le nostre cose
".


E chi se la dimentica? Ho sempre amato il Giappone... Del resto, dal terremoto del 1990 in poi, non c'è sera che non pensi con terrore all'eventualità di un cataclisma. Ti sei sentito talmente piccolo quando durante la scossa notturna non hai potuto neanche alzarti dal letto, nonostante tutta la forza di volontà, e i libri ti cadevano addosso ( non ne ho più messi sopra la testiera del letto). E noi le loro costruzioni antisismiche ce le sogniamo... i recenti fatti poi dimostrano che anche le più ingegnose strategie umane di fronte alla forza della natura sono nulla... (scusate, ma dalla paura a me nascono pensieri a ruota libera, e ogni tanto ci vogliono)!

3 commenti:

  1. Sono d'accordo, Palmy. E' impossibile fare finta di niente. E, come ho scritto in un mio post, l'uomo è presuntuoso, crede di poter controllare tutto, solo perchè tecnologicamente ha creato apparecchiature avanzate, ma l'universo e la vita, quando sono troppo bistrattati, reagiscono e l'uomo deve abbassare la testa, comprendendo che non può controllare un bel niente!
    In ogni caso credo che la cosa migliore che si possa fare è non abbattersi e cercare di tirare fuori coraggio e speranza, per tutti i Giapponesi ed anche per noi. :)
    un raggio di sole
    StefiB

    RispondiElimina
  2. I receti fatti hanno dimostrato che l'uomo essendo una creatura imperfetta non può costruire cose perfette; per quanto si ingegni a realizzare cose grandiose, queste saranno limitate come il proprio creatore. Purtroppo gli eventi ell'ultimo periodo hanno dimostrato che niente è sicuro..anche un paese prepararto a queste evenienze come il Giappone, può trovarsi in seria difficoltà. La natura è sempre piu' forte dell' uomo. POveracci i volontari che stanno lavorando nella centrale..vanno incontro a fine certa :(

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordissimo Palmy, e se da un lato è un bene che l'uomo non vinca contro la natura, dall'altro la cosa mi fa una tremenda paura...Non bisogna assolutamente dimenticare chi è stato colpito da tragedie così grosse...anzi, dobbiamo solo riuscire a capire che affannarci dietro a egoismi e cose materiale non serve a niente di fronte alla forza della natura...

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...