lunedì 28 marzo 2011

Love of Learning: Geography and...

Siamo alla quinta puntata dell'iniziativa Love of Learning.
Nella prima, con questo post, abbiamo riflettuto insieme sull'utilità dei libri di testo.
Il tema della seconda puntata riguardava la storia, le idee per insegnarla e renderla viva.
Poi ho scritto sul libro Guerrilla learning. E sulla matematica...
Quest'oggi vorrei proporvi uno zoom sulla geografia. Qui la proposta in particolare è di condividere un post, anche vecchio, sulle idee per insegnare la geografia in modo divertente, hands on (manipolativo) tale da risvegliare o far crescere il desiderio di imparare.

Come sempre, comincio io con qualche spunto di riflessione. La geografia è una di quelle discipline trasversali che toccano diversi campi del sapere, quello scientifico (storia della terra, studio del territorio, meteorologia, zoologia, botanica...), quello umano (sociologia, demografia...), quello storico (stratificazione del paesaggio, storia delle nazioni e dei popoli...), quello politico (storia politica, attualità...).

Diverse volte mi sono occupata di geografia in questo blog, con i post taggati come ora di geografia, suggerendo soprattutto siti utili. Altre risorse web potete trovarle nella pagina 4teachers.

Adesso un'idea - montessoriana - che va bene tanto a casa quanto in classe (qui si potrebbe lavorare in gruppi e poi lasciare il materiale prodotto a disposizione della classe intera per successivi arricchimenti e attività): Geography boxes




[le foto da Lapazfarm]

Si tratta di scatole piene di materiali geografici relativi a ciascun continente, ma nulla vieta di realizzarle per le regioni italiane o europee. Cosa mettere dentro?

-mappe

-bandiere

-flashcard con biomi della zona, flora, fauna, prodotti agricoli tipici... (qui un pdf di esempio)


- souvenirs


-riproduzioni di opere artistiche, strumenti musicali locali

[Le foto dei materiali vengono da Counting Coconuts]

-immagini da Internet

-francobolli e monete locali

-cataloghi gratuiti da farsi spedire dai portali turistici ufficiali

-schede delle abitudini alimentari

-printables da Peacefulmann Geography Montessori and more, Enchanted learning e Free Montessori materials

-
per la scuola primaria (o prima): set di animali di plastica, bambole abbigliate con abiti etnici, libri illustrati, raccolte di fiabe, cd di musica, giochi tradizionali:

[box di Sweetness and light]

- altre idee: esempi di scrittura (gli ideogrammi cinesi), spezie, ricette, scampoli tessili (seta per la Cina, tartan per la Scozia..), lavoretti a tema

A proposito di lavori faidate e trasversalità, di seguito qualche idea per insegnare geografia attraverso l'arte o l'arte attraverso la geografia:


- in questo ricchissimo sito si trovano i pittori divisi per nazione, in quest'altro i burattini e i personaggi di ogni nazione

In generale, ogni materiale va organizzato in buste o scatole più piccole per poter essere facilmente consultato.

-un'ulteriore risorsa è lo scambio di cartoline, come quello proposto nel sito postcrossing.

E voi? Che idee avete?

Suggerite, suggerite, suggerite, utilizzando Mr. Linky (inserite il link al post specifico e premete enter). Preferibilmente aggiungete al post o al vostro blog il bottone Love of Learning...


Powered by BannerFans.com



Love of Learning Participants
1. Sybille
2. Catia
3. france
4. tatagioiosa
5. Marika

Powered by... Mister Linky's Magical Widgets.

18 commenti:

  1. Io pur essendo una viaggiatrice, non sono mai stata granchè ferrata in geografia. L'ho studiata alle elementari (Italia) e alle medie (in maniera pessima). Quindi è una materia in cui penso di avere delle lacune, che cerco oggi a 25 anni di colmare poco a poco ;) questa tua idea la trovo fenomenale. Mi hai dato una super ispiriazione...tanto che mi salvero' questa pagina da tanto che la trovo utile :)

    RispondiElimina
  2. Questo blog è un'autentica miniera per me!
    Quando ho dato l'esame di geografia, mi sono avvicinata ancora una volta all'approccio cooperativo e ho trovato tantissimi spunti. Quante cose da (re)imparare! Oggi, poi, la geografia offre molteplici riflessioni che vanno ben altro il mero dato "fisico" e ci sono tanti strumenti da utilizzare.

    Grazie!

    RispondiElimina
  3. Mi piace moltissimo questo metodo, l'avessero proposto a me a scuola sicuramente avrei trovato la geografia più simpatica...ora comincio a non vedere l'ora che sofi vada a scuola. Grazie a te sto scoprendo che anche se la scuola non mi soddisferà pienamente ho gli strumenti per dare io ai miei figli qualcosa in più!

    RispondiElimina
  4. sono rimasta a bocca aperta, io ho sempre sostenuto che la geografia non vada insegnata, ma che bisogna viverla, assaporando i sapori, scoprendo le bellezze artistiche e naturali, creando come in un viaggio, una valigia di ricordi... sei stata grande...

    RispondiElimina
  5. Oh, io adoro le geography boxes! Ne ho viste diverse in giro. Una cosa cosí sarebbe giá da proporre alla scuola materna.
    Partecipo con un post "di raccolta" sull'Asia.
    Grazie Palmy, come sempre, ottimi spunti!

    RispondiElimina
  6. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE...

    si capisce che i tuoi consigli, ancora una volta rischiarano il mio cielo?
    Certo, quando i ragazzi iniziano ad essere più grandicelli bisogna adattare qualcosa.
    I miei figli ODIANO, la geografia, specialmente quando si trovano a che fare con argoenti come la demografia, le industrie e affini... il punto è anche che hanno sempre un sacco di cose da studiare e il tempo per riuscire ad affrontare un argomento con un po' più di libertà e creatività è davvero sempre difficile da trovare... Io però non demordo e ci provo sempre, grazie anche ai tuoi suggerimenti.
    una melodiosa giornata
    StefiB

    RispondiElimina
  7. E' un'idea bellissima! Proverò di sicuro! :)

    RispondiElimina
  8. Mi piace questa idea, come tutte le altre che hai proposto, anche se non ho partecipato. Questa però la posso proporre alla mia bimba più grande 5 anni, magari parlando dell'Italia. Ho già qualche idea!A presto
    Sabrina

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    Partecipiamo anche noi con un post di qualche settimana fa.
    In quell'occasione abbiamo cercato di vivere personalmente ciò che avevamo studiato sui libri.
    Catia e Matilde

    RispondiElimina
  10. Perchè l'ho trovata geniale? Perchè è estremamente semplice!!!
    Bellissima idea, ne gioiranno i miei piccolini; magari la grande si arrabbierà un pò per essere stata sottoposta alla tortura della geografia studiata solo sui libri...
    Grazie

    RispondiElimina
  11. :-( come al solito io sono molto indietro su queste faccende. La geografia l'ho studiata poco e male ma sono molto ferrata nel leggere le mappe.. da quando faccio la navigatrice a mio marito ed organizzo le gite e le vacanze per noi la geografia ha un senso nuovo per me. Per mio figlio parto da qui, da cosa amo io. Quando andiamo in auto gli mostro il percorso e i riferimenti sulla mappa. Quando sentiamo una notizia, o ci informiamo su un animale gli mostro sul mappamondo di cosa si parla. Ma soprattutto sono le persone che fanno la geografia. Eliza è il Perù, Lubjiana l'albania, Giorgio la Moldavia, Sayuri il Giappone. Se leggo o parlo di un posto lo associo ad una persona che conosciamo ed è come se fosse più... "amico"...

    RispondiElimina
  12. Ah, che bella la "nostra" scuola!:)
    Un caro saluto, Palmy cara....

    RispondiElimina
  13. Non potevo perdermelo! E non potevo non invitarti a leggere questo nuovo post...
    non ho capito perchè non mi ha fatto mettere l'url...devo aver sbagliato qualcosa...

    http://francescaframes.blogspot.com/2011/03/trentinodi-carta.html

    Viva la geografia!
    france

    RispondiElimina
  14. Per favore Palmy, togli il link n.3, mi sono sbagliata ed è fuorviante!
    ciaooo
    fra

    RispondiElimina
  15. Cara Palmy, ormai ho preso il vizio: quando ho tempo e c'è una materia che mi stimola, partecipo al tuo Love of Learning. Grazie tantissimo per questa opportunità. Ciao!

    RispondiElimina
  16. @ Dreamy: grazie per apprezzare il mio post, in questo caso sono io che devo ringraziare le bloggers che mi hanno ispirata...

    @ grazie piccole felicità!

    @ gaia: allora aspetto il tuo lavoro!

    @ pi magna grecia: lode alla Montessori bistrattata e dimenticata...

    RispondiElimina
  17. @ Ester: grazie, anche io ho imparato questo via via e sono contenta di poter trasmettere il messaggio a chi legge!

    @ melablu: hai ragione, associare un paese a una persona o a una storia è molto divertente!

    @ luly: grazie!

    RispondiElimina
  18. Avevo letto questo post appena pubblicato.. è geniale perchè semplice ed immediato! Ti ringrazio nuovamente per la qualità del tuo blog!
    Ho condiviso anch'io un post

    Grazie ancora

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...