martedì 8 marzo 2011

March 8: in memory of a woman

Voglio festeggiare il mio 8 marzo, con un ricordo personale di una donna ammirevole che è stato un onore conoscere.
Dieci anni fa, nel corso della gravidanza che mi ha donato Laura, ho avuto la gioia di conoscere una donna che non dimenticherò mai, Nina Zenner. Ostetrica, fisioterapista esperta in riflessologia plantare, ha portato in Italia il metodo dell'eutonia che non saprei meglio definire se non come ascolto del corpo. Frequentavo il suo particolarissimo corso pre-parto: eravamo accolte nella grande sala di casa sua, in un'atmosfera semplice, ovattata, nella penombra. Dopo qualche chiacchiera scambiata in cucina, toglievamo le scarpe e la "lezione" poteva cominciare. Non ricordo parole illuminanti, non ricordo prediche o nozioni, ma la sensazione di stare seduta accovacciata, il contatto con il pavimento, il canto spontaneo, la respirazione, il dialogo con la bimba dentro la pancia. Non ci spegò come partorire, ci diede una pallina da tennis e ce la fece posizionare sotto. "Sentite quali sono le ossa che devono fare spazio al bambino". E io non l'ho dimenticato.
Durante il parto le tecniche si dimenticano, perché è la mente ad averle afferrate. Ma il corpo non dimentica. Ricordavo le sue mani che rovesciavano il collo di un maglione dolcevita per rappresentare il collo dell'utero che deve assecondare la nascita. Le sue parole: "con il parto nasce un bambino e nasce una madre", "il parto non è la fine, ma l'inizio", "il bambino non ha bisogno di dieci canottiere, quindici vestitini, sei pacchi di pannolini, dodici lenzuolini... ha bisogno soprattutto della mamma".
Devo a lei (e a tutti gli incontri che si sono inseriti nel suo solco), il mio percorso.
Le sue mani hanno tenuto anche la piccola Laura che ha goduto dei suoi massaggi.
Ne ho parlato anche qui.
foto da qui

19 commenti:

  1. Che bel racconto in questa giornata. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Bella questa idea di ricordare una donna speciale il giorno della festa delle donne!

    RispondiElimina
  3. Quanto sono illuminanti le donne come lei, che nonostante non ci siano più ti accompagnano tutta la vita.

    RispondiElimina
  4. uao bellissima esperienza...grazie di averla condivisa e auguri

    RispondiElimina
  5. Bellissimo ricordo. Ed è proprio vero, il corpo non dimentica e se lo si asseconda è tutto più semplice.

    RispondiElimina
  6. Che bello...quando si incontrano persone che ci segnano così profondamente è bello farle conoscere, anche solo attraverso un blog, anche alle altre...Le tue parole e i tuoi ricordi mi hanno scaldato il cuore...Grazie e Auguri anche a te in questo 8 marzo tutto per noi!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  7. Emozionante leggerti. Emozionante essere donna.
    Buona giornata, Palmy cara and thanks for sharing:)

    RispondiElimina
  8. meraviglioso e molto molto commovente. Grazie.

    RispondiElimina
  9. che bellissimo ricordo, grazie per averlo condiviso!

    RispondiElimina
  10. Grazie. Il pensiero corre alla splendida donna che mi ha aiutato a far nascere Tecla.

    RispondiElimina
  11. grazie per aver condiviso. davvero una gran donna

    RispondiElimina
  12. Buona festa della Donna...grazie per avermi fatto conoscere questa bellissima Donna. Grazie.

    Qui il mio augurio

    http://lamagiadelvento.blogspot.com/2011/03/803.html

    RispondiElimina
  13. E Buona festa della Donna =)

    Qui il mio post
    http://lamagiadelvento.blogspot.com/2011/03/803.html

    RispondiElimina
  14. Bel ricordo... grazie per ricordarci che esistono donne così!

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia...pelle d'oca !

    RispondiElimina
  16. grazie palmy, un post emozionante, è sempre la semplicità unita a una grande intelligenza che mi affascina più di tutto.Bello averle dedicato un post, in un giorno come questo.. un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Buongiorno Palmy, innanzitutto vorrei dirti che passo spesso anche non lascio moltissimi commenti; mi aggancio a questo post per dire che sono perfettamente d'accordo....prima di partorire si pensa ai pannolini, alle camicette, alla valigia a tutta una serie di cose tranne, forse quelle più importanti....per ripensarci invece dopo, magari; vorrei anche dirti che, qualche tempo fà ho scaricato alcune tabelle e disegni che avevi consigliato per un migliore apprendimento delle tabelline. Ebbene, Stefano ha passato alcune ore del pomeriggio a riempire quelle tabelle ed insieme abbiamo ripassato queste "benedette" tabelline che ancora ci fanno confondere, soprattutto quella del 7 e dell'8!
    francesca

    RispondiElimina
  18. Ciao Palmy, anche se sono il diciottesimo commento, volevo dirti lo stesso che ti invidio molto per questa esperienza bellissima. Avessi avuto anch'io la possibilità di frequentare un corso pre parto del genere... grazie del ricordo, ciao!

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...