giovedì 30 agosto 2012

Gli elementi dei miei viaggi

Acqua

Il tempo non è il ruscello dove vado a pesca. Vi bevo; ma mentre bevo ne scorgo il fondo sabbioso e vedo come sia poco profondo. La sua corrente scorre via, ma l'eternità resta. Vorrei bere profondamente e pescare nel cielo, il cui fondo è ciottoloso di stelle. 
H. D. Thoreau, Walden

foto di mio marito

L'acqua mi dà sempre una sensazione di benessere: abbandono e rilassamento se sono immersa in mare, pace se contemplo le acque placide di un lago, gioia per le piante che si dissetano se ascolto il rumore della pioggia. Ricordo tanti incontri con l'acqua durante i miei viaggi, ma ho voluto seguire la prima immagine che mi è affiorata alla mente: eravamo in Baviera e volevamo visitare il paese di Murnau, il cui paesaggio aveva attirato Kandinsky e gli altri artisti del movimento Der Blaue Reiter (Il cavaliere azzurro), ma poi ci siamo fermati - per caso - a contemplare il lago, lo Staffelsee, presso Seehausen e là abbiamo trascorso un'ora a passeggiare e fare fotografie dimentichi del tempo. A quel punto abbiamo cenato in riva al lago in un posticino placido e romantico.


Terra

Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita e per vedere se non fossi capace d'imparare quanto aveva da insegnarmi e per non scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto. 
H. D. Thoreau, Walden

Henry Thoreau decise di ritirarsi per due anni sulle sponde del lago Walden, per riscoprire l'intimo rapporto con la natura. Ma a volte basta distendersi, sentire la forza del terreno che sostiene il corpo, lo accoglie, lo sospinge; per avvertire l'energia della terra, la sua stabilità e la sua possenza. È uno di quelle rare occasioni in cui per fare esperienza non si deve fare, non c'è bisogno di agitarsi, basta stare. E se la distesa è lunare come nel Burren in County Doolin in Irlanda le ossa ricevono la sensazione semplice e scarna del sasso e non si perdono tra le distrazioni della morbidezza  e dei colori del prato.



Aria

A volte non potevo permettermi di sacrificare a nessun lavoro, sia mentale che materiale, il fiore del momento presente. Amo che vi sia un largo margine di respiro, nella mia vita. 
H. D. Thoreau, Walden

Non c'è cosa più ovvia e più essenziale del respiro. Coincide con la vita. E imparare a respirare, a nutrire la vita di aria buona non è cosa scontata. L'aria che sostiene le ali degli uccelli come per noi la terra, il vento che dissemina la vita, la brezza che ristora. Non è facile immortalare l'aria, ma per me è questa immagine di un gabbiano irlandese che esprime il senso di apertura e di gioia di vivere che desidero regalavi:

foto di mio marito

Questi sono gli elementi dei miei viaggi: riposare, stare, respirare. Verbi di quiete, non di movimento. Perché viaggiare è per me occasione di godere del presente che nell'affanno quotidiano spesso è difficile cogliere. Sentire il presente, immergersi dentro la sensazione del luogo e respirarlo.

(Iniziativa di Viaggi e Baci, The Family Company e I viaggi dei rospi. Avete avuto occasione di conoscerne le protagoniste nella serie di interviste di Parole in viaggio).

31 commenti:

  1. Riposare, stare , respirare!! Bellissimo...
    io per anni ho avuto elementi dinamici: correre, volare a destra e sinistra, vedere, visitare e poi ancora correre , volare, vedere e visitare.
    Grazie a mio marito ho imparato che si assorbe dal luogo anche rilassandosi, respirando l'atmosfera del posto soffermandosi in un ristorantino e lasciano alla mente il tempo di godere dei momenti di relax.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna delle tue parole, mi confermi nella "stranezza" di quello che ho detto!

      Elimina
  2. complimenti!!! oltre alle foto meravigliose che hai scattato, trovo fantastici i pensieri che hai allegato ad ogni foto. Quindi devo dire che il piacere e tutto mio, infatti mi unisco alle tue follower ;)

    RispondiElimina
  3. Tiziana, sono commossa e senza parole. Le foto sono davvero stupende. E la tua rappresentazione degli elementi vitali nel viaggio (e viceversa) tocca corde profonde. Grazie davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi di avermi dato quest'occasione di eseguire questo compito così bello e dell'amicizia che sento nonostante non ci "conosciamo"...

      Elimina
  4. aspettavo con molta curiosità di leggere e vedere che cosa ci avresti proposto questa volta e devo dire che sei stata capace di stupirmi ancora una volta ...
    Le citazioni sono bellissime (mi hai pure incuriosio a leggere qualcosa di questo autore che non conosco) e le tue parole non sono da meno. Per le foto, beh! ... come sempre sarà difficile scegliere, anche se una mi ha colpito in modo particolare.
    Hai mai pensato di fare Tai-Chi? Il modo in cui hai descritto gli elementi è molto vicino a questa disciplina orientale che mi sta dando tanto nella vita di tutti i giorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue parole, "eseguire questo compito" mi ha dato tanto, perché mi ha dato l'occasione per riflettere e per trarre fuori quelle esperienze che avevo dentro; sul Tai chi prenderò informazioni, ammetto che non ne so nulla!

      Elimina
  5. Complimenti per il post: parole e immagini si fondono perfettamente. Per quanto riguarda le vacanze ho la tua stessa filosofia...

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Post stupendo! Mi ha trasmesso un senso di libertà e di pace.

    RispondiElimina
  8. Walden sembra aver scritto per i tuoi scatti, o forse è il contrario? I tuoi pensieri sono scritti con molto trasporto. La mia foto preferita? Il volo di quel gabbiano mi ha catturato. Bel post, complimenti.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Bellissimi i tuoi pensieri :)mi piace il modo in cui scorrono sebbene siano molto profondi :)
    e poi sn contenta che tu abbia citato un autore che io amo particolarmente, Thoreau. Ho letto Walden, mi piace molto la sua filosofia di vita. Alex Supertramp, protagonista di Into the Wild, fu spinto proprio da questo libro nel suo cammino anticonformista nella natura :) Thoreau pero' era anche molto pratico nel suo modo di viverla oltre ad esserne un'amante incondizionato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io però non ho letto direttamente Thoreau, ma un libro che ne parlava e lo citava generosamente...

      Elimina
  12. Foto bellissime accompagnate da bellissimi commenti. Buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  13. le tue foto sono bellissime, le citazioni sembrano cucite addosso alle foto e algi elementi... puoi dire quello che vuoi, ma oltre che per le foto, mi sento "calimero piccolo e nero" anche per i testi.
    La foto del gabbiano è stupenda... e' una di quelle foto che mi piacerebbe riuscire a fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto del gabbiano però è di mio marito, non mia. Non credo che sarei mai riuscita a farla...

      Elimina
  14. Sono davvero molto onorata di aver lanciato con le mie due compagne di viaggio questa iniziativa. E' un onore leggere questi pensieri, questi commenti e vedere queste foto! Grazie di cuore per la tua preziosa partecipazione! Sono davvero commossa!!!

    RispondiElimina
  15. Ma che meraviglia! leggere i tuoi post è sempre un viaggio affascinante che arricchisce mente, anima e in questo caso anche gli occhi...complimenti!! ciao a presto

    RispondiElimina
  16. Bello questo post, sto recuperando le letture arretrate. E adoro quel libro. Ciao!

    RispondiElimina
  17. mi piace la tua idea del viaggio! e che bella la foto del gabbiano!

    ciao, federica

    RispondiElimina
  18. Sono tutte e tre molto belle ma tuo marito è proprio bravo con le foto...quella del gabbiano è veramente stupenda!!E complimenti a te che accompagni dolcemente ogni immagine con parole che sembrano musica...ciao Olga

    RispondiElimina
  19. Le foto sono bellissime ma mi hanno colpito molto i verbi dei tuoi elementi: riposare, stare, respirare. E' esattamente quello che facciamo noi ogni volta che arriviamo in visita in una nuova città. Se abbiamo solo 3 giorni, niente musei (quelli non cambiano e c'è tempo per visitarli), cerchiamo di vivere il posto, di immergerci, mescolarci alla gente del posto copiando abitudini e riti; è magnifico riposarsi in un cafè, stare a guardare la gente che passa e respirare l'atmosfera. Ciao simona

    RispondiElimina
  20. non riesco a lasciarti un commento col mio account wordpress, perciò lo farò con quello google...
    grazie per averci aperto il tuo album dei ricordi: è un post bellissimo. trasmette pace e serenità...

    RispondiElimina
  21. belle le immagini, le parole, i pensieri. se già non bastasse quella che ho, mi hai fatto venire ancora più voglia di viaggiare!Per RESPIRARE, come scrivi tu

    RispondiElimina
  22. E' uno di quei post "memorabili" nel senso che non si dimenticano...si torna indietro a leggere e rileggere parole e immagini, quasi temendo dinon trovarle più, di averle solo immaginate!
    Grazie per queste buone emozioni condivise!
    france

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...