venerdì 3 agosto 2012

Love of learning: idee per un laboratorio di lettura

Torno alla carica con il mio Love of Learning in questo venerdì del libro perché ho bisogno di voi, lettrici e lettori accaniti...
Ho bisogno delle vostre idee e dei vostri suggerimenti per costruire un laboratorio di lettura da organizzare con ragazzi di scuola media e uno per bambini di scuola primaria, per valorizzare la biblioteca scolastica. 

Vorrei procedere così:

-cominciare dalla lettura ad alta voce di uno o più libri, magari legati da un fil rouge
-proseguire con una fase di giochi o attività legate alla lettura
-concludere con una merenda a tema (esempio: se leggo le Cronache di Narnia potremmo prendere il tè con Mr. Tumnus)

I libri che finora ho pensato sono:



(con un percorso nella storia e nei luoghi di Venezia)


(come bussola per altri libri)

Le idee di attività:


Da un semplice foglio realizzare un libro, scriverlo e illustrarlo.

-Realizzare un Ex libris e costruire la propria "illuminated letter"

Presentare il concetto di ex libris attraverso la realizzazione di un proprio simbolo di appartenenza e realizzare la propia iniziale con lo stile della miniatura medievale.


-Indagine in biblioteca


Simulare una vera indagine in biblioteca come una caccia al tesoro.  

-Quiz sui libri e altri giochi

Organizzare un gioco a squadre sul libro letto.

Mi vorreste aiutare? Avete suggerimenti di links utili? Idee sui libri da scegliere? Pensate a qualche libro in particolare che si presta ad attività laboratoriali? 


Potete linkare un post vecchio o scriverne uno apposito e inserire nel post o nel blog il banner dell'iniziativa:


BannerFans.com


Inserite qui i vostri links:

23 commenti:

  1. Bellissime idee. Restringerei un po' la questione di Narnia, perché Le cronache di Narnia in quanto tale come sai si riferisce a tutta la serie, mentre presumo che tu faresti solo leggere The Lion, the Witch and the Wardrobe. Potrebbe essere questa una buona occasione anche per riflettere sul concetto di serie di libri (facendo loro pensare all'analogia con le puntate delle loro serie filmiche preferite) sia sulla differenza tra L'ordine di pubblicazione e la sequenza narrativa (in qualche modo il vecchio discorso di fabula e intreccio). Purtroppo non ho post da linkare se non quello di qualche venerdì fa sulle letture per le vacanze. Se pensi che possa essere utile lo metto, let me know!

    RispondiElimina
  2. Un tuo post è sempre ben accetto...
    Comunque ti sembrerà strano ma in realtà io stavo pensando di leggere Il nipote del mago...
    Poi avrei anche l'idea di scegliere un tema-fil rouge e fare un percorso tra libri... ecco perché ho pensato a te! Ti vine in mente qualcosa?

    RispondiElimina
  3. No che non mi sembra strano, significa rispetta la fabula della serie rispetto al suo intreccio, per l'appunto! A me piace di più il Leone, ma in generale devo dire che tra gli Inklings preferisco di gran lunga Tolkien.
    Di solito le mie letture mensili sono sempre a fil-rouge, dunque negli anni ne ho sperimentati di svariati. Con l'Onda facemmo l'utopia declinata soprattutto nella parte altri mondi, e finimmo a Neverland diretti come fusi, passando per lo Schiaccianoci, la Storia infinita e un po' di altre cose; con i Maculati abbiamo fatto un bel percorso sul ragazzino a partire da Pinocchio (e poi Gian Burrasca, Kamo, L'amico ritrovato, Un'anima non vile, Bambini Bonsai, Il sentiero dei nidi di ragno, La commedia umana + qualche racconto a tema, principalmente di Fenoglio e Ada Gobetti; al cinema Stella, Arrivederci ragazzi, L'uomo che verrà, Welcome - ma so che mi sta sfuggendo qualcosa). Quest'anno coi Pesci abbiamo fatto qualcosa sulle fiabe naturali e simili (Collina dei conigli, Bambi, Storie proprio così), e poi abbiamo virato bruscamente (per loro interesse) sul réportage di denuncia (Saviano, ora Garlando e poi probabilmente proseguiremo sul filone mafia l'anno prossimo con Giorno della civetta, Giudice ragazzino, Cigno e Eroe borghese - queste sono le cose su cui sto lavorando adesso). Con la nuova classe sono molto incerta, ma penso che mi piacerebbe parlare della letteratura del superamento della linea d'ombra, dunque partirò da Mark Twain e poi il percorso classico: Harper-Lee, King, Lansdale (e poi vediamo, perché le letture come sappiamo bene le stabilisce l'epica di classe, quindi magari da Tom Sawyer finiremo da tutt'altra parte. Anche perché lavorerò per la prima volta con un manuale che mi sono scelta, e dunque penso che lo userò moltissimo, per la prima volta in vita mia! Per i Merry Men invece penso che leggeremo la Speculazione edilizia (inserita in una idea per il triennio che dovrebbe consistere nel fare storia recente sul modello di Correva l'anno una volta al mese) e poi ci butteremo sul fantastico, che avevamo in qualche modo anticipato l'anno scorso con Maurensig (e dunque Boito, Tarchetti, Merimée, Poe, un Dickens, Hoffmann - tutti racconti). Infine, l'altro giorno ho lasciato da Grazia gli estremi di un percorsino sul cibo che avevo studiato qualche anno fa: ti metto il link al mio commento nel suo post: http://towritedown.wordpress.com/2012/07/29/dinner-with-books/
    Ovviamente, tutti i consigli, altre indicazioni, suggerimenti sono benvenuti (in particolare su buoni autori recenti italiani, che continuo a trovare nella media illeggibili, e mi dispiace).

    RispondiElimina
  4. Povna: quanta ricchezza! Ne approfitterò anche io. Grazie a te, e a Palmy per l'idea!!!
    Appena mi verrà in mente qualcos'altro, mi farò viva :-)

    RispondiElimina
  5. Ho appena segnalato un sito inglese dove ad ogni lettura una mamma affianca una attività, mi sembra che l'età a cui sono rivolte siano però inferiori al tuo target. http://www.playingbythebook.net/
    Prova a farci un salto, magari trovi qualche spunto.
    Buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che mi sembra molto interessante... Grazie! se vuoi anche linkarmi un tuo post ti aspetto!

      Elimina
    2. Grazie per la segnalazione, Mammozza, è un sito molto interessante!

      Elimina
  6. Ti avevo letta già al riguardo, io sono in un momento di pre-migrazione e poi vacanze, mi viene in mente un percorso con letture inglese e tè delle cinque (da me ne trovi quante ne vuoi, cerca nel caso la tag "inglese").
    Se a settembre ti serve ancora lo formalizzo meglio...
    E poi un percorso sulla famiglia magari. Quanti anni hanno i tuoi studenti in questo caso?
    ciao e in bocca al lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anche io sono un po' precaria in questo periodo, con tante cose da fare e tante in gioco... hai tutto il tempo che vuoi... i gruppi sono due, di primaria (ultimi anni) e secondaria di I grado...

      Elimina
    2. ok ci penso... :) ciao!

      Elimina
  7. ciao... a parte iniziare a "conoscere" il libro già dalla copertina, ti consiglio questo libro
    http://www.ibs.it/code/9788878741225/brasseur-philippe/milleuno-attivit-agrave-per-raccontare.html
    dove troverai parecchi suggerimenti e attività inerenti proprio alla lettura "in gruppo".
    ciao, taced

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio del suggerimento, aspetto che passi il ferragosto (vera e propria maledizione per le spedizioni) e lo ordino!

      Elimina
    2. se ti va fammi sapere poi come ti è sembrato il libro.... ciao
      taced

      Elimina
  8. Suggerimenti da darti non ne ho, noi siamo ancora ai primi anni per le letture, però mi sembra un progetto molto interessante e stimolante che prenderò sicuramente come esempio per un futuro!complimenti!

    RispondiElimina
  9. Sto facendo ragionamenti attorno a questa tua proposta, mi prendo qualche giorno e ti propongo (magari prima via mail) qualcosa :-)
    Buon week end!
    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, Grazia ma sentiti libera di proporre ciò che vuoi...

      Elimina
  10. Rieccomi.
    Mi è tornato in mente questo (anche grazie alla lettura di J.Guitton che sto affrontando ora, "Arte nuova del pensare"). Ai miei studenti ogni tanto provo a dare delle coordinate su cui imbastire un racconto o una descrizione (es: descrivi un uomo che sta scappando e deve attraversar un fiume, di notte; oppure: immagina che una ragazza sia prigioniera e trovi il modo di riuscire a telefonare a casa...). Poi lascio loro il tempo per scrivere, e infine leggo loro quello che mi interessava fargli conoscere (nel mio caso: la traversata dell'Adda di Renzo, o il tentativo della protagonista di "Qualcuno con cui correre" di sfuggire ai suoi aguzzini.
    Per me è utile perché così si mettono a confronto con un autore, senza avere la preoccupazione di imitarlo... e, dopo aver scritto, scoprono di più anche il peso specifico di quello che hanno scritto loro e di quell'autore (la ricchezza lessicale, sensoriale, i colpi di scena...). Io lavoro con studenti del biennio, ma credo possa tornare utile anche alle medie :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao,
    io ho pensato ad un percorsino per sviluppare un po' la fantasia seguendo le orme di un mio quasi conterraneo: Gianni Rodari.
    Un discorso a parte andrebbe fatto per gli illustratori di Rodari che non sono stati di certo personaggi da meno (Luzzati e Munari).

    RispondiElimina
  12. che bei progetti! Nella scuola elementare di Pietro c'è una biblioteca molto fornita, in cui ogni settimana le maestre organizzano una lettura con eventuale laboratorio. Quello che ha colpito di più i miei bimbi è "l'uccello di fuoco" con visione poi del balletto....

    In riferimento alla favola che ho scritto per i miei nipoti, ho preso spunto da una scrittrice a cui si è rivolta una mia amica per un regalo di battesimo e che scrive favole sulle storie reali delle persone.

    Così per i miei nipoti ho proceduto come poi hai letto nel blog ed è stato molto interessante anche per i bambini; inventare la storia, i personaggi e i tempi; poi creare le immagini che sintetizzassero i vari momenti e la copertina con i ringraziamenti. Davvero molto costruttivo, semplice perché basato sulle storie che leggiamo di solito, brevi.

    a presto, presto...

    RispondiElimina
  13. Ciao Palmy, mi piace molto trovare tante idee ispiratrici in un blog interessante come il tuo...anch'io ho sempre pensato al desiderio di realizzare un libro fai da te insieme ai bambini o per i bambini...ma poi non sono mai passata all'azione vera e propria...anche l'idea di fare disegnare degli ex libris non è niente male...

    Non ho ancora afferrato bene di cosa tratta il tuo "love learning"....vado a curiosare di cosa si tratta.
    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  14. Mia cara,
    Grazie per avere linkato il mio piccolo contributo alla tua bella iniziativa, che mi ha dato mòdo di esplorare un mondo ancora abbastanza sconosciuto per me.
    Spero tu abbia trovato interessante l'idea di utilizzare questo "nuovo libro" di Calvino per i bambini della scuola primaria: ho pensato a qualcosa di facile e di immediato per aiutare i bambini ad esprimersi e il disegno è davvero un ottimo strumento. I bambini possono utilizzarlo per esprimere ancune emozioni e alcuni sentimenti a cui non sanno ancora dare un nome e con l'aiuto di un adulto, genitore o i segnate, trovare nuove parole.

    Mi St. Aggiornando sul tuoi blog, hai avuto una estate molto interessante: a breve ti racconterò le mie vacanze oramai agli sgoccioli, la tua Sicilia mi è entrata nel cuore....

    Grazia

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...