domenica 7 novembre 2010

Il genitore consapevole


Come tema del mese dell'iniziativa Blogstorming, Genitori crescono propone il tema dell'accoglienza, intesa come amore senza riserve: "La verità - dice una delle autrici del blog - è che i figli non sono mai come ce li immaginavamo, e soprattutto non sono mai come li vogliamo. (...) I nostri figli nascono con il loro temperamento, la loro personale visione della vita e con una loro scala di valori che non coincide necessariamente con la nostra (o con quello che impone la società)".

Sono riflessioni che in qualche modo avevo già fatto spinta dalla lettura di un libro che consiglio vivamente, Il genitore consapevole di Myla e Jon Kabat-Zinn. Ecco cosa affermano alle prime pagine:
"La sensazione di aver bisogno di un altro tipo di figlio da amare a volte prende il sopravvento su noi genitori, in particolare quando le cose sembrano particolarmente difficili (...) Talvolta se non viene esaminata questa sensazione può trasformarsi da un impulso di breve durata in una corrente stabile di delusione e nel desiderio di qualcosa che crediamo di non avere" (p.11)

L'occasione della partecipazione al blogstorming di novembre mi "costringe" a riprendere quella lettura, a ritornarci sopra e a condividerla con voi.

L'autrice del post di Genitori crescono si domanda e ci domanda: Cosa è giusto aspettarsi dai figli? Dove è il confine tra educarli e condizionarli ad essere qualcosa che non sono? Siamo disposti ad accoglierli ed amarli per quello che sono? E cosa facciamo ogni giorno per essere certi di comunicagli il nostro amore?

Nella parte dedicata a I fondamenti del mestiere di genitore consapevole, gli autori individuano tre elementi imprenscindibili, che mi sembrano altrettante risposte a quelle domande:

1) dare sovranità

I figli vengono al mondo con una loro sovranità, non perdono occasione fin dal primo vagito di affermare il loro esserci in un dato modo, la propria sovranità appunto. Rispettare questa sovranità permette loro di essere sé stessi. Attenzione, non si tratta di lasciare che si comportino da selvaggi: la sovranità non è esercitare i propri diritti senza limiti. La sovranità di ogni persona è interconnessa e interdipendente da quella degli altri. Accordare sovranità è trattare l'altro come persona degna di rispetto.

2) dare empatia

"La continua volontà di tessere e ripristinare i legami empatici con i nostri figli è il fondamento dell'essere genitori consapevoli. Vedere le cose dal punto di vista del bambino può guidarci nelle scelte che operiamo" (p. 67). "Questo richiede tempo, attenzione e impegno. Se siamo sempre assenti - o presenti con il corpo, ma assenti rispetto all'attenzione e al cuore - non è possibile che un figlio senta la fiducia, l'intimità necessarie per farci sapere che problemi ha". (p. 65)

3) dare accettazione

Serena di Genitori crescono distingue tra accettazione ed accoglienza, privilegiando quest'ultima. Ma il senso della parola accettazione ne Il genitore consapevole è del tutto positivo.
Accettazione è intesa come orientamento interiore a riconoscere le cose così come sono, anche quando non ci piacciono. Accettazione non vuol dire essere passivi, non significa che qualsiasi cosa facciano i nostri figli per noi vada bene, come la sovranità non è despotismo. Ma anche quando mettiamo in chiaro che alcuni comportamenti per noi sono inaccettabili, i nostri figli possono comunque sentire che accettiamo completamente il loro essere. Significa andare oltre il circolo "comportamento etichettato negativamente-punizione" per approdare a una maggiore comprensione e alla considerazione empatica di ciò che il figlio sta sperimentando.
Forse la disapprovazione il giudizio negativo e respingente otterrano l'effetto dell'obbedienza, ma non renderanno i figli più felici e sicuri di sé stessi.

"I genitori non devono amare o essere d'accordo con tutto ciò che i loro figli fanno, o con il modo in cui scelgono di vivere quando sono più grandi. Esisteranno sempre delle divergenze e, in ultima analisi, ogni figlio deve trovare la propia strada. Quando un figlio, di qualunque età, sente la nostra accettazione, quando avverte il nostro amore, non solo per la sua parte amabile, ma anche per quella difficile, si arricchisce e acquista la libertà di diventare più intero ed equilibrato. I figli sono in grado di affrontare ogni tipo di difficoltà e sfida se possono sempre tornare alla fonte dell'amore incondizionato. E' infatti nel rispetto dell'interezza del loro io da parte nostra che possono aver luogo la crescita e la guarigione" (p. 79)

Che ne dite?


Questo post partecipa al:
blogstorming

5 commenti:

  1. Grazie mille per questo post. Domani stesso se riesco passerò in libreria ad acquistare il libro che proponi di leggere. Sono mamma da appena un mese e mezzo ed anche se penso che i libri non servano molto per apprendere il "mestiere" di buon genitore allo stesso tempo trovo molto interessante e costruttivo avvicinare la mia mente a punti di vista e riflessioni nuovi che mi aiutino magari ad essere un genitore per l'appunto consapevole. Ancora grazie! Chiara

    RispondiElimina
  2. grazie per questi spunti! questo è un argomento che mi tocca da vicino...ho sofferto molto e soffro tutt'ora per la vivacità di mio figlio che a volte raggiunge livelli insopportabili. Ti ringrazio per il libro segnalato. Ciao

    RispondiElimina
  3. @ Chiara: proprio per una neo mamma quel libro è consigliatissimo, ci sono delle pagine bellissime sul rapporto con i neonati che possono esserti utili, non si tratta di un manuale con regole da seguire ma di una raccolta di riflessioni che possono illuminare alcune esperienze che viviamo...

    @ mammasorriso: grazie a te per il tuo contributo...

    RispondiElimina
  4. Che blog favoloso che hai!

    Un saluto dalla Finlandia.

    Rita, insegnante (di lingue),
    degli adulti però :)

    RispondiElimina

Lascia una traccia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...